menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nardella, guerra ai bus panoramici: "Ora basta"

Il sindaco: "In centro non devono più passare"

Passa uno, passa due, passa tre, e alla fine il sindaco sbottò. "Basta, guardate che roba, qua non devono più passare, non voglio più vederli. In pochi minuti è già il quarto", le parole pronunciate questa mattina da Dario Nardella alla stazione, poco prima di salire sul primo viaggio di prova della linea 2 della tramvia.

Il riferimento è ai 'mega' bus turistici del gruppo 'City Sightseeing', ben noti a tutti i fiorentini e spesso al centro delle polemiche per passaggi nelle strade del centro storico (in passato hanno più volte protestato i residenti dell'Oltrarno).

"Alla stazione non possono più transitare. Con le nuove tramvie intralciano molto il traffico e va rivisto anche tutto il perscorso che fanno nel centro storico. Devono essere più piccoli, elettrici e comunque con percorsi modificati perché incidano meno possibile nella vita quotidiana del centro che non è un luna park, è un quartiere dove le persone hanno diritto di vivere e lavorare con più tranquilità", spiega Nardella, che annuncia di aver già dato mandato all'assessore ai lavori pubblici Giorgetti e ai tecnici di Palazzo Vecchio di studiare i modi per "ridurre drasticamente i passaggi".

Non sarà facile però, come spiegano a microfoni spenti gli stessi tecnici, "perché la giurisprudenza tutela il diritto del privato a svolgere questo tipo di lavoro e il Comune ha pochi mezzi per limitare un'attività del genere. In passato ci abbiamo già provato, ritenteremo".

"Gli altri bus turistici li abbiamo già limitati, con la politica dei ticket (per l'ingresso in citt, ndr) e della viabilità fatta dall'assessorato", insiste il sindaco. E se ci saranno ricorsi al Tar?

"Abbiamo ricorsi da tutte le parte, abbiamo una avvocatura e ci difenderemo. Faremo tutto a norma di legge, non voglio demonizzare nessuno, capisco che debbano lavorare anche questi signori del mondo del turismo ma è altrettanto vero - tira dritto Nardella -, che si deve avere al centro l'interesse pubblico della città". E se dovesse servire il sindaco non esclude nemmeno un'ordinanza ad hoc.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento