rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Acqua, l'annuncio: "Bollette ferme per 6 anni"

Il sindaco Nardella: “Dimezzeremo le perdite, poi acqua 100% pubblica”. Oggi la rete è un colabrodo

Stop all'aumento della bolletta dell'acqua per i prossimi 6 anni, fino al 2024 compreso. Lo hanno annunciato questa mattina in Palazzo Vecchio, presentando un nuovo piano di investimenti, il sindaco Dario Nardella e l'assessore a partecipate e bilancio Lorenzo Perra.

“Dal 1° gennaio 2019, per 6 anni i cittadini non pagheranno un centesimo in più”, promette Nardella (quest'anno la tariffa è invece salita del 4%). “Anzi - aggiunge Perra -, considerando l'inflazione il costo dell'acqua fiorentina diminuirà rispetto ad altre città”.

Tale risultato avverrà grazie alla proroga di 3 anni della concessione a Publiacqua, il cui termine viene spostato dal 2021 al 2024 (la proroga è stata approvata ieri dal Cda del Publiacqua. Ora passa alla Conferenza territoriale 3 dell'Autorità idrica toscana che, presieduta dallo stesso Perra, dovrebbe approvarla entro le prossime tre settimane).

“Oltre al blocco delle tariffe, attraverso la proroga aumentiamo gli investimenti sulla rete idrica e il sistema fognario e creiamo le condizioni per costituire una società interamente pubblica di proprietà dei toscani, al termine della concessione”, spiega Nardella, ribadendo la volontà di tornare alla gestione completamente pubblica dell' “oro blu” già espressa nei mesi scorsi.

“Non per scelta ideologica, ma per motivi pragmatici. L'acqua è una risorsa preziosa e lo sarà sempre di più in futuro: la sua gestione prevede dinamiche complesse che devono avere un indirizzo, una programmazione e un controllo pubblico”, dice il sindaco.

Nel 2024 i privati (che ora detengono il 40% di Publiacqua) saranno dunque 'liquidati', con una cifra intorno ai 105 milioni di euro (con la 'scadenza' di Publiacqua nel 2021 tale importo sarebbe stato invece di 137 milioni). “Sarà una cifra del tutto sostenibile con l'accensione di mutui da parte dei comuni”, prosegue il sindaco.

Poi si andrà verso una società unica, che gestirà l'acqua per l'intera Toscana. La normativa regionale prevede infatti che una società pubblica che supera il 25% della popolazione regionale (quanto ad utenti, ed è il caso di Publiacqua) deve rilevare le altre società: “Sarà una società interamente pubblica tra le più grandi in Italia, con 600 milioni di euro di fatturato e 3 milioni e 800mila utenti”.

Perra ha poi fatto il punto sul nuovo piano di investimenti. “In media ci saranno quasi 10 milioni in più all'anno, passando da 75 a oltre 84 milioni annui: in totale 50 milioni in più nei prossimi anni”, spiega l'assessore.

Soldi che saranno utilizzati per la messa in sicurezza degli approvigionamenti idrici e per lavori su fognature e impianti di depurazione. “E per dimezzare le perdite d'acqua nelle rete fiorentina entro il 2024”, assicurano Perra e Nardella. Rete che invece oggi è un colabrodo: va persa il 45% d'acqua che ci passa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua, l'annuncio: "Bollette ferme per 6 anni"

FirenzeToday è in caricamento