Statuto: ex marito non accetta la fine del matrimonio  

E' finito agli arresti domiciliari  

Ieri sera i carabinieri del nucleo radiomobile hanno arrestato un 64enne dopo averlo trovato a scampanellare alla porta della ex moglie da cui si era divorziato dopo tre anni di matrimonio. L'uomo e la sua gelosia non avevano però lasciato libera la ex.

I militari, infatti, hanno poi eseguito dei riscontri scoprendo che la donna, dopo la fine della relazione coniugale, era stata subissata da telefonate, minacce e visite inaspettate anche sul luogo di lavoro, motivo per il quale ha in passato presentato due querele per le condotte moleste e minatorie rivolte anche al nuovo compagno della donna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 64enne è stato dichiarato in stato di arresto per il reato di atti persecutori e sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, nell'Aretino. 

Colpisce la figlia incinta 
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • I migliori locali low cost d'Italia, cinque sono a Firenze. Ecco dove mangiare bene e spendere poco

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Ristoranti, due locali di Firenze nella classifica dei migliori ristoranti di lusso

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento