Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Spostamenti tra Comuni a Natale, la decisione del governo: "Saranno consentiti"

Sorpresa: Palazzo Chigi prepara il provvedimento. Accolte le richieste di sindaci e province. Ok a spostamenti fuori Comune il giorno di Natale, Santo Stefano e Capodanno

Una modifica al decreto già in Parlamento o un nuovo provvedimento per consentire lo spostamento tra Comuni il giorno di Natale, il 26 dicembre e il 1° gennaio.

È la decisione presa da Palazzo Chigi - riporta il Corriere della Sera - per venire incontro alle richieste di numerosi sindaci, dell’Unione delle Province e di alcuni parlamentari, dopo l’approvazione dei provvedimenti entrati in vigore il 4 dicembre che invece vietavano questa libertà di movimento.

La modifica, spiega sempre il Corriere della Sera, potrebbe essere formalizzata già nelle prossime ore.

In molti, anche in Toscana, di ogni schieramento politico, avevano chiesto nel corso delle riunioni con le istituzioni centrali di poter consentire gli spostamenti, soprattutto per venire incontro alle esigenze dei cittadini che abitano nei piccoli Comuni e che sono inevitabilmente penalizzati da queste norme.

Gli “aperturisti”

Era stato il capogruppo dem al Senato Marcucci, nei giorni scorsi, a chiedere di cambiare la norma. "Siamo ben lieti che il presidente Conte si sia accorto che è necessario rivedere la norma che vieta gli spostamenti anche tra piccoli comuni a Natale", commenta la presidente dei deputati di Italia Viva Boschi.

Netto anche Matteo Salvini: "Al di là di simpatie o antipatie politiche, credo sia una questione di buonsenso, le famiglie italiane aspettano buone notizie"."Assurdo non ci si possa spostare tra piccoli comuni quando ci sono città con milioni di abitanti" ha dichiarato il ministro degli Esteri Di Maio.

In regione, si erano espressi per le "zone omogenee" tanto il governatore Giani quanto il presidente del consiglio regionale Mazzeo.

La proposta aveva trovato sponda anche nell'opposizione, con la consigliera leghista Tozzi che aveva manifestato il proprio sostegno a Giani e Mazzeo sulla questione.

E proprio quest'ultimo, in serata, ha detto: "A quanto pare il governo starebbe pensando di modificare il Dpcm Natale e consentire gli spostamenti anche tra i comuni limitrofi. La trovo una notizia molto positiva, che va esattamente nella direzione che per primo avevo auspicato ricordando che non era possibile mettere sullo stesso piano comuni grandi come Firenze o Pisa con realtà piccole come Buti o Fivizzano".

"Nell'assoluto rispetto delle regole che tutti dobbiamo continuare ad avere per non vanificare gli sforzi fatti fino ad adesso, questa sarebbe semplicemente una scelta di buon senso. Sono convinto - ha aggiunto Mazzeo - che le cittadine e i cittadini toscani non la vivrebbero come un 'tana libera tutti' ma come un'occasione per poter trascorrere in maniera responsabile e un po' più serena le festività natalizie dopo settimane e mesi davvero difficili".

I "rigoristi"

Il presidente del Consiglio,  a questo punto, discuterà con i capigruppo e i capi delegazione per superare le riserve dell’ala “rigorista”, guidata dai ministri Franceschini e Speranza. Ma la scelta dell’esecutivo sembra ormai fatta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spostamenti tra Comuni a Natale, la decisione del governo: "Saranno consentiti"

FirenzeToday è in caricamento