menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carcere di Sollicciano: i detenuti sono il doppio del consentito

La Uil penitenziari lancia l'allarme per il sovraffollamento degli istituti penitenziari in regione. A Scandicci solo nel carcere di Sollicciano ci sono 971 detenuti dovrebbero essere 497

Alle 17 di ieri erano affollate le celle toscane, tanti detenuti da far scattare l’allarme per 1200 carcerati in più del consentito. Un surplus di 497 persone nel solo carcere di Sollicciano. Una situazione sconfortante, “che non può non aggravare - fa sapere la Uil penitenziari Toscana - un quadro generale già difficile per la situazione di insalubrità e degrado che connota molte strutture penitenziarie”.
L’ex carcere di massima sicurezza, poi declassato, è nella black list del sovraffollamento carcerario in Toscana. Il problema come nelle strutture di Prato e Livorno è tuttavia la mancanza d’organico di quadri e guardie carcerarie.

Non solo critiche infatti,  ma anche proposte concrete. La pluscapienza degli istituti non è al tracollo in tutte le strutture ma ci sono dei picchi negativi su cui riflettere. Gli istituti strutturati per accogliere oltre le 200 persone sono colmi, anzi straripanti, con qualche eccezione nel caso di Montelupo e Porto Azzurro, quest’ultimo al limite del consentito.    
Il sindacato propone anche di ottimizzare le risorse, portando l’esempio di Gorgona dove “mantenere in vita una struttura ha un peso economico rilevante” e costringe la polizia a vivere in una sorta di isolamento. Situazione analoga a Massa Marittima.
Valutando il quadro complessivo alle 17 di ieri la stessa Uil si chiede quali saranno le unità operative che andranno ad occupare i corridoi del padiglione  in via di ultimazione nelle Sughere di Livorno.


I DATI ALLE 17:00 DI IERI

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Casting per il nuovo film di Pieraccioni: come fare domanda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento