Sollicciano: nuovo crollo, chiusi i cortili dell'ora d'aria

Il Sappe chiede un intervento: "Con il caldo rischio tensione"

Ancora crolli in carcere a Sollicciano: per sicurezza sono stati chiusi i cortili dove i detenuti trascorrono le ore d’aria. Ne dà notizia il Sappe, Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, per voce del Segretario nazionale della Toscana, Pasquale Salemme: “Da alcuni anni, più di tre, il muro di cinta del carcere di Firenze Sollicciano (nella foto) è chiuso a seguito del crollo di una parte di esso. Lunedì scorso sono caduti altri calcinacci all'interno di uno dei cortili passeggi e questo ha provocato la nuova chiusura". 

A causa delle chiusure adesso i detenuti possono solo fruire dei locali passeggi coperti mentre la zona all'aperto è stata inibita. “Mi auguro si adottino subito interventi idonei per garantire la sicurezza e la salubrità della struttura, verificando immediatamente quella dei posti di lavoro e di quelli detentivi - sottolinea Donato Capece, segretario generale del sindacato - tanto più che con il caldo di queste settimane i disagi sono del tutto evidenti e possono determinare situazioni di tensione. Pertanto, auspichiamo in un celere intervento dell’Amministrazione Penitenziaria”.

Per Capece “quel che è accaduto a Sollicciano ci conferma che la tensione che caratterizza le carceri, al di là di ogni buona intenzione, è costante". Un allarme che non finisce mai e una normalità che non esiste.

"Nel primo semestre del 2018 si sono registrati 5.157 atti di autolesionismo - aggiunge Capece - 585 tentati suicidi, 3.545 colluttazioni, 571 ferimenti, 5 tentati omicidi. I decessi per cause naturali sono stati 46 ed i suicidi 24. Le evasioni sono state 2 da istituto, 27 da permessi premio, 7 da lavoro all’esterno, 7 da semilibertà, 17 da licenze concesse a internati. Per il Sappe “lasciare le celle aperte più di 8 ore al giorno senza far fare nulla ai detenuti – lavorare, studiare, essere impegnati in una qualsiasi attività – è controproducente perché lascia i detenuti nell’apatia: non riconoscerlo vuol dire essere demagoghi ed ipocriti”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

Torna su
FirenzeToday è in caricamento