rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Slot machine, addio limiti di apertura: il Tar annulla i divieti del Comune

Il tribunale amministrativo ha accolto il ricorso di alcuni esercenti contro le misure adottate da Palazzo Vecchio

I limiti di apertura a slot machine e video lottery sono rimasti in vigore meno di 8 mesi: il Tar ha infatti accolto il ricorso di alcuni esercenti contro le nuove norme introdotte da Palazzo Vecchio all'inizio dello scorso settembre e che, dopo la pronuncia, vengono di fatto annullate.

I nuovi provvedimenti imponevano limiti all'orario di 'accensione' (massimo 6 ore al giorno per le slot e 4 ore per le video lottery), sancivano il divieto di apertura nei pressi di centri anziani e mense (oltre che vicino a presidi ospedalieri, scuole e centri sportivi) e inasprivano le sanzioni e le multe per i trasgressori.

Le nuove norme erano state introdotte per tentare di arginare il diffondersi di casi di ludopatia, in forte aumento, legati a una vera e propria dipendenza da questo tipo di “giochi” (che tali non sono, visto che mandano in rovina migliaia di persone e intere famiglie).

Prima delle nuove restrizioni, si era diffusa anche la notizia del tristemente noto record nazionale del quartiere delle Piagge: una slot ogni 65 abitanti.

Il tribunale amministrativo ha però ritenuto “insufficienti” le motivazioni e gli studi alla base del provvedimento, sancendo "il sostanziale unilateralismo dell'atto impugnato (sarebbero state tenute in considerazione dal Comune 'solo' le esigenze di prevenzione della ludopatia, ndr) e la mancanza completa di una qualche considerazione degli interessi contrapposti".

"La pronuncia del Tar non ferma la nostra battaglia contro la ludopatia, che continuerà", commenta l'assessore allo sviluppo economico Cecilia Del Re. "Valuteremo se fare ricorso al Consiglio di Stato. Intanto, nelle prossime settimane porteremo in consiglio comunale il nuovo regolamento contro il gioco d'azzardo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Slot machine, addio limiti di apertura: il Tar annulla i divieti del Comune

FirenzeToday è in caricamento