rotate-mobile
Cronaca L'Arcovada / Viale Corsica

Occupazione in Viale Corsica: scatta lo sgombero, ribaltati i cassonetti / FOTO

Sul posto le forze dell'ordine. Tensione in Via Mariti

Sgombero questa mattina nei locali occupati di Viale Corsica. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine e i vigili del fuoco. Strade adiacenti chiuse a lungo, anche con l'aiuto della polizia municipale. Ingente il dispiegamento di uomini da parte della polizia e dei carabinieri, sul posto con numerose camionette.

L'operazione di sgombero è iniziata poco dopo le 9 di questa mattina. Gli agenti all'interno hanno trovato solo due persone. Una è stata denunciata mentre un secondo giovane è salito sul tetto della struttura e alle 14:30 era ancora lì.

Lo stabile sgomberato questa mattina era stato occupato quasi dieci anni fa, nel novembre del 2012, dal Movimento di Lotta per la Casa, allora ancora guidato dal leader storico, poi scomparso, Lorenzo Bargellini. Lo stabile, di proprietà privata, era in disuso da anni.

Corteo dopo lo sgombero e cassonetti in strada

Una sessantina di militanti si è poi raccolta in presidio in Piazza Dalmazia, per poi sfilare lungo Via Corridoni anche occupando i binari della tramvia. Durante il corteo, improvvisato con tam tam social e via whatsapp per protestare contro lo sgombero, alcuni dei militanti hanno rovesciato diversi cassonetti in strada.

'Fuori gli sbirri dai quartieri', 'Non abbiamo più niente da perdere, il nostro unico futuro è lavorare per tre euro l'ora e lo Stato risponde con i manganelli', 'le case vuote vanno occupate e le bollette non vanno pagate', 'precarietà, miseria e lutto, pagherete caro, pagherete tutto', '550 euro è il prezzo di una stanza a Firenze, non ce li possiamo permetteremo e continueremo ad occupare le case che lo Stato lascia vuote', 'basta sgomberi', gli interventi al megafono dei manifestanti, assieme ai ripetuti insulti all'indirizzo delle forze dell'ordine.

Tensione in via Mariti

Il corteo improvvisato è proseguito in via Circondaria, per poi tornare in viale Corsica e da lì in via Mariti.

In via Mariti alcuni manifestanti, che occupavano parte della carreggiata, avrebbero colpito un'auto che insisteva per passare. Da qui è la situazione, in quel momento già tesa con i manifestanti che fronteggiavano polizia e carabinieri, è scoppiata e c'è stato qualche attimo di scontri, con qualche manganellata da parte delle forze dell'ordine. La situazione è poi tornata alla calma e intorno alle 14:40 il corteo si è sciolto.

Potere al Popolo: "Solidarietà all'esperienza di viale Corsica"

Solidarietà nei confronti degli occupanti sgomberati è stata espressa da Potere al Popolo e dai consiglieri comunali di Sinistra progetto comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu, mentre un "plauso a forze dell'ordine e istituzioni" è arrivato dalla Lega con il capogruppo Federico Bussolin.

"Solidarietà all'esperienza di Viale Corsica 81. In una città dove abbondano le persone senza casa, dove non esiste una politica di socializzazione per i giovani, dove mancano comunità di vicinato, sgomberare un'esperienza di recupero di uno stabile abbandonato come quella di viale Corsica è una iniziativa semplicemente antipopolare. Il censimento degli edifici sfitti e delle speculazioni immobiliari, e una politica pubblica volta alla loro destinazione andrebbe incentivato, non combattuto", si legge in una nota diffusa da Pap.

Sinistra progetto comune: "Si approfitta della legalità per reprimere"

"Ci parleranno di ripristino della legalità, ma la politica finge di non esserci o davvero non conta nulla. Questa mattina stavamo per raggiungere gli Artigianelli, dove un cittadino che ci risulta aver sempre pagato l’affitto, si ritrova sotto sfratto. L’esecuzione, anticipata rispetto alle informazioni date allo stesso, pare essere stata un’azione per distrarre i movimenti e procedere allo sgombero di viale Corsica 81. Quindi si approfitta della solidarietà che per fortuna resiste nel nostro tessuto sociale, per reprimere e agire con le forze dell’ordine. Un’intera area della città è stata militarizzata, mentre chi poteva è accorso a contestare le operazioni. Si è parlato molto di una città che mette al centro i diritti e la dignità delle persone: di quelle che non vengono represse, sfrattate e sgomberate si intende", dichiarano i consiglieri di Sinistra progettto comune Bundu e Palagi, con quest'ultimo che ha preso parte a tutto il corteo di protesta.

Lega: "Plauso a polizia e istituzioni"

"Apprendiamo questa mattina dello sgombero di un edificio occupato da esponenti legati all'area anarchica a Firenze, in viale Corsica. Gli agenti della Polizia sono entrati nello stabile e hanno fatto uscire gli occupanti. Come Lega vogliamo esprimere il nostro apprezzamento per l'operato della Polizia e delle Istituzioni che mandano un chiaro messaggio a chi non rispetta le regole, e al tempo stesso un segnale a tutti i cittadini onesti: la legalità è un valore che deve essere costantemente riaffermato", le dichiarazioni del capogruppo della Lega in consiglio comunale Federico Bussolin.

Sgombero in Viale Corsica

Sgomberi: dopo anni liberata la caserma di Covercianino

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazione in Viale Corsica: scatta lo sgombero, ribaltati i cassonetti / FOTO

FirenzeToday è in caricamento