rotate-mobile
Cronaca

"Setta del diavolo vampiro": il giovane capo condannato a 6 anni di carcere

Processo con rito abbreviato. L'imputato riconosciuto colpevole di 5 casi di violenza sessuale

E' stato condannato in abbreviato a 6 anni di reclusione, il 23enne di Prato arrestato dalla squadra mobile di Firenze nel giugno del 2020 con l'accusa di essere a capo di una setta e di aver costretto i suoi adepti a subito atti sessuali, dopo averli convinti di essere il Diavolo.

Il giovane è stato anche condannato al risarcimenti danni nei confronti delle vittime, e al pagamento di provvisionale per un totale di 33.000 euro. L'imputato, difeso dagli avvocati Sigfrido Fenyes e Piernicola Badiani, è stato ritenuto colpevole di cinque casi di violenza sessuale - tre dei quali nei confronti di persone minorenni all'epoca dei fatti - rispetto ai tredici inizialmente contestati, e assolto con la formula 'perché il fatto non sussiste' dall'accusa di riduzione in schiavitù.

"Setta del diavolo Vampiro": chiesto processo per il giovane capo accusato di abusi su 13 adepti

Disposta per lui anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici e da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado, oltre che da ogni ufficio in istituzioni pubbliche o private frequenta prevalentemente da minori.

Per gli investigatori, il 23enne avrebbe persuaso gli adepti di averli scelti per salvare il mondo. Per convincerli a subire gli abusi, li avrebbe convinti che tali pratiche erano loro necessarie per poter superare un presunto 'blocco sessuale', eliminato il quale l'adepto avrebbe potuto acquisire poteri soprannaturali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Setta del diavolo vampiro": il giovane capo condannato a 6 anni di carcere

FirenzeToday è in caricamento