rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Confermata la pena per l’ubriaco che uccise Lorenzo Guarnieri, il padre: “Ridicolo”

Il padre di Lorenzo Guarnieri commenta così la sentenza d'appello del 48enne fiorentino che nel 2010 provocò un incidente stradale, guidando ubriaco e sotto effetto di cannabis, in cui morì il figlio

Confermata in appello la pena a due anni e otto mesi di reclusione per il 48enne fiorentino che nella notte del 2 giugno del 2010 provocò un incidente in cui morì il 17enne Lorenzo Guarnieri. L'incidente avvenne nella zona delle Cascine: lo studente stava viaggiando su uno scooter nella propria corsia, quando l'altro, anch'egli a bordo di uno scooter ma proveniente dalla direzione opposta, sbandò, provocando uno scontro frontale. Il 48enne guidava ubriaco e sotto effetto di cannabis.

“Un'inezia, è ridicolo: il messaggio è che guidare ubriachi e drogati e uccidere una persona non è grave". E' il commento di Stefano Guarnieri, il padre del 17enne.  C'é un altro aspetto che non va giù alla famiglia Guarnieri: "Nel calcolo della pena - ricorda Stefano Guarnieri - ci fu un errore formale: il giudice sbagliò il conto. La condanna era 5 anni ma, per l'abbreviato, venne ridotta di un terzo, quindi doveva essere 3 anni e 2 mesi e invece fu di 2 anni e 8 mesi. Anche il pg, in aula, oggi ha riconosciuto l'errore 'formale', aggiungendo però che per lui la pena andava comunque bene così. Che dire, è surreale".

La famiglia Guarnieri era assistita dagli avvocati Nino D'Avirro e Matteo Ormi mentre l'imputato era difeso dall'avvocato Sigfrido Fenyes. In memoria del ragazzo è nata l'associazione 'Lorenzo Guarnieri Onlus' che promuove iniziative per la prevenzione degli incidenti stradali, come quelle per chiedere l'introduzione del reato di omicidio stradale.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confermata la pena per l’ubriaco che uccise Lorenzo Guarnieri, il padre: “Ridicolo”

FirenzeToday è in caricamento