menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Idy Diene: Pirrone era "capace di intendere e volere"

Così dice la perizia psichiatrica chiesta dagli avvocati difensori

Beppe Pirrone, il 65enne fiorentino che la mattina del 5 marzo scorso ha ucciso a colpi di pistola sul ponte Vespucci il venditore ambulante senegalese Idy Diene, era "capace di intendere e volere".

Così ha stabilito la perizia psichiatrica che, disposta dal gip Alessandro Moneti ed eseguita dallo psichiatra Giancarlo Boncompagni, sarà discussa lunedì prossimo, 9 luglio.

A chiedere l'incidente probatorio erano stati gli avvocati difensori dell'ex tipografo, Massimo Campolmi e Sibilla Fiori.

Secondo la perizia psichiatrica Pirrone presenterebbe un disturbo depressivo, avrebbe una personalità "evitante e passivo aggressiva".

Il pensionato, arrestato subito dopo l'omicidio, raccontò di essere uscito di casa con l'intenzione di suicidarsi per poi cambiare idea.

Dopo avere percorso oltre un chilometro a piedi da casa sua arrivò al ponte Vespucci. Qui, dopo avere incrociato numerose altre persone, sparò e uccise con tre colpi di pistola Idy Diene.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento