I segreti della pizza raccontati da Vincenzo Capuano

Il pizzaiolo di Scampia è venuto a Firenze per una serata dedicata alla pizza contemporanea. Noi di FirenzeToday ci siamo fatti raccontare i segreti dell'arte della pizza

Vincenzo Capuano, pagina Facebook

Pizzaiolo da tre generazioni, Vincenzo Capuano ha girato il mondo esportando l'arte della vera pizza napoletana. Ieri è stato ospite a Firenze presso il ristorante pizzeria Oggi in via del Parione, per un evento organizzato da Antonello e Tommaso Schiena in occasione di Pitti Uomo

Qui, insieme al senatore della pizza Raffale Magnetti, ha ideato un menù che prevedeva una degustazione “contemporanea” di pizze, realizzate con gli ingredienti più disparati: zucca candita, stracciatella, crema di patata viola, l'immmancabile Bufala e dell'ottimo tartufo nero.

Con l'occasione, ci siamo fatti raccontare i segreti della vera pizza: un'arte che Vincenzo ha portato in giro per il mondo, dall'America alla Spagna, dalla Danimarca all'Islanda, per poi tornare a Napoli, dove ha inagurato una frequentatissima pizzeria in piazza Vittoria e un altro locale a Pompei.

Il motto del suo locale parla chiaro: "Vivere di pizza è meraviglioso". Perché, "essendo io nato e scresciuto in pizzeria grazie a mio padre e a mio nonno" - racconta - "grazie alla pizza ho potuto realizzare tutti i miei sogni più grandi". Oltre alle due pizzerie in Campania, nei progetti futuri di Capuano ci sono anche un libro e l'apertura del suo primo locale fuori dall'Italia.

La pizza contemporanea targata Vincenzo Capuano segue la tradizione e la tecnica di Napoli, con uno sguardo sempre rivolto al futuro: molte ore di lievitazione, cottura in forni storici napoletani, un impasto ben idratato, sempre impreziosita da ingredienti peculiari.

Il segreto della vera pizza, spiega ancora Capuano, è non dimenticarsi mai le origini di questo straordinario piatto: una tradizione artigiana, che nasce, si sviluppa e vive a Napoli.

"I pizzaioli devono essere anzitutto artigiani" -spiega- "perché la vera pizza è fatta, in particolare, di sensorialità: il segreto sta nel tocco e nella sensibilità di chi la prepara. E, naturalmente, un buon forno a legna non deve mai mancare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 25 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 27 novembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento