Mense scolastiche: insetti nelle verdure, avviati accertamenti 

Palazzo Vecchio sta già eseguendo controlli in merito alla vicenda. Il caso finisce in Parlamento

Le foto pubblicate in rete sui piatti trovati

Trovati degli insetti all'interno dei contorni biologici serviti ai bambini della primaria Balducci. I due episodi, che hanno visto un baco nella lattuga e un ragnetto nel mais dolce, si sono verificati nell'arco di una settimana. Ieri la vicenda è stata segnalata al Comune che ha già avviato accertamenti ed ispezioni sugli episodi della scuola di Viuzzo della Cavalla. Palazzo Vecchio precisa come i rilievi siano quotidiani e a campione proprio per ridurre eventuali problematiche sul tema mense.

L'episodio ha visto l'intervento anche dell'assessore all’educazione Sara Funaro.  “Queste cose non devono accadere, siamo e saremo durissimi: il cibo per i nostri bambini è per noi la priorità” ha detto l’assessore. “Per questo avvieremo un intervento straordinario specifico per aumentare ancora di più i controlli che già stiamo facendo e per aumentare i sopralluoghi in tutte le scuole e nei centri cottura. Siamo in continuo contatto sia con l’azienda sanitaria per monitorare l’andamento del menù e valutare le varie modifiche che possono essere effettuate dal momento che siamo in fase sperimentale fino a gennaio, in attesa degli esiti del nuovo bando di gara attualmente in corso. Recepiamo immediatamente le segnalazioni delle commissioni mensa e degli insegnanti per fare le verifiche e dove previsto le contestazioni. I nostri uffici sono in continuo contatto con le aziende per tutte le segnalazioni e per i controlli che effettuiamo quotidianamente. Sto andando anche personalmente, senza avvisare, nelle scuole durante il pranzo. Se ci sono criticità cerchiamo di affrontarle tempestivamente. Dai controlli effettuati da settembre ad ora sono state rilevate durante i controlli tre situazioni da correggere e sono state elevate tre sanzioni, due contestazioni sono state formulate ai sensi del capitolato di appalto e sono in attesa di risposta. L’attenzione nostra è massima e continuerà ad essere massima. Vorrei ricordare comunque, che a fianco di segnalazioni come questa su cui ci attiviamo immediatamente ogni volta, abbiamo anche molte segnalazioni di apprezzamento per il miglioramento dei pasti”.

 
L'opposizione intanto chiede che vengano inviati gli ispettori della Asl. "Non è accettabile - chiede il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia) - trovare insetti di diversa tipologia nell'insalata della mensa scolastica. Chiediamo che l'Asl mandi degli ispettori che facciano controlli regolari nelle mense, a tutela della salute dei nostri figli". "Senza contare, sottolinea il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, che "molte mamme da tempo si lamentano pubblicamente che in diverse mense le quantità di cibo sono ridicole e spesso di qualità discutibile".

Polemiche sul bando delle mense

Il caso in Parlamento

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caso finirà perfino in Parlamento. A darne notizia è il deputato di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli che ha annunciato che presenterà un'interrogazione sulla vicenda: "Si tratta dell'ennesimo episodio che accade in città: proprio nei giorni scorsi molti genitori avevano segnalato piatti scarsi e di bassissima qualità, ma il Comune ogni volta racconta che è tutto perfetto. Adesso come faranno a negare?", sottolinea Donzelli. "C'è un video di due giorni fa, - aggiunge - in cui l'assessore all'istruzione Funaro in Consiglio comunale rappresenta un quadro idilliaco della situazione delle mense scolastiche in città: un intervento surreale. Eppure le immagini più volte balzate alle cronache parlavano e parlano chiaro sulla situazione. Se i controlli sono 'quotidiani' e 'attenti' - conclude Donzelli - com'è possibile che accada tutto ciò? E la Asl, responsabile dei controlli, che cos'ha da dire?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

  • Coronavirus: nuovo caso a scuola, classe in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento