rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Cronaca Centro Storico / Via de' Ginori

Scoperte archeologiche, a Palazzo Medici Riccardi riappare una antica “buchetta del vino”

In una delle antiche porte che danno su via Ginori è riapparsa una storica "buchetta del vino". Una testimonianza dell'antica vita fiorentina, quando il vino era già "a chilometro zero"

Scoperta archeologica in Palazzo Medici Riccardi. In una delle antiche porte che danno su via Ginori è riapparsa una storica “buchetta del vino”: una testimonianza dell'antica vita fiorentina, quando il vino era già "a chilometro zero". 

Le 'buchette' – dette anche per la loro forma 'tabernacoli' del vino - servivano per la vendita diretta, dal produttore al consumatore, del vino, di cui nella Firenze del Rinascimento e dei secoli successivi si faceva un grande consumo. I cittadini “bussavano” alle buchette ricavate agli ingressi dei palazzi di possidenti che rendevano disponibili i prodotti delle loro tenute, consegnavano con il soldo necessario il tradizionale fiasco vuoto e lo riavevano restituito pieno dai cantinieri.

Una pratica quotidiana, con tutti i pregi che oggi si dicono del “chilometro zero”: vino genuino, proveniente unicamente dai vigneti e poderi certi, senza mediazioni e tasse. Sono 140, ora 141, le Buchette del Vino, censite grazie alla paziente opera di ricerca dell’Associazione Culturale Buchette del Vino, di cui è presidente Matteo Faglia e vice presidente Diletta Corsini. Le due, finora uniche, Buchette del Vino nei portoni si trovano in Piazza del Duomo al n° 29r, in quella che un tempo fu la bottega di Donatello, e in Via Sant’Antonino al n° 21.

Quella riapparsa in Palazzo Medici Riccardi è stata individuata da Ricciardo Artusi, funzionario della Città Metropolitana di Firenze appassionato di storia e tradizioni fiorentine, che ne ha intuite le tracce sotto uno strato di stucco e vernice sul portone, al n.14 di via Ginori, di quello che è stato per tantissimi anni il Circolo Dipendenti dell’Amministrazione Provinciale.

Il caratteristico sportellino presenta le misure convenzionali (larghezza cm. 23, altezza cm. 36), necessarie far passare il “fiasco”, ed è visibile solo dalla parte interna del portone, che appartiene a un'ala del palazzo acquista dal Marchese Gabriello Riccardi nel 1789 dalla famiglia Ginori per ampliare e ristrutturare la meravigliosa Biblioteca Riccardiana,. I documenti d'archivio testimoniano che i Riccardi commerciavano in via Ginori i prodotti, e soprattutto il vino, provenienti dalle loro fattorie di Castel Pulci, Chianni, Rivalto e Villa Saletta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperte archeologiche, a Palazzo Medici Riccardi riappare una antica “buchetta del vino”

FirenzeToday è in caricamento