rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Lunedì di passione

Treni, sciopero dalle 9 alle 17. Le tratte locali quelle più a rischio

Lo hanno indetto i sindacati Cub Trasporti ed Sgb per lunedì 12 febbraio

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Si prospetta un lunedì di passione per i pendolari. Lunedì 12 febbraio, dalle 9 alle 17, Cub Trasporti e Sgb hanno indetto uno sciopero dei ferrovieri nell’ambito della vertenza sul rinnovo del contratto delle attività ferroviarie.

"Una vertenza dalle motivazioni profonde - si legge nel comunicato congiunto delle due sigle sindacali - radicate in un sistema concertativo fra aziende e sindacati firmatari teso a relegare il lavoro ai margini di trattative che hanno, come unici riferimenti, la produzione ed il profitto".

L'agitazione coinvolgerà il personale del Gruppo Fs, Trenitalia, Trenord, Italo e Trenitalia Tper.  A incrociare le braccia anche i lavoratori del trasporto merci e quelli di Rfi, la società che si occupa della gestione della rete e delle infrastrutture ferroviarie. 

A subire i maggiori disagi dovrebbero essere i pendolari, ovvero tutti quei lavoratori che usano i treni locali per spostarsi, mentre dovrebbe essere garantito il servizio per i treni a lunga percorrenza.  "Non sono previste modifiche alla circolazione per i treni alta velocità e Intercity" fa sapere Trenitalia precisando che "l'agitazione sindacale può comportare modifiche al servizio anche prima dell'inizio e dopo la sua conclusione".

Anche Italo fa sapere che potrebbero verificarsi disagi, pubblicando però la lista dei treni garantiti che potete consultare a questo link

Insieme alle problematiche legate all'orario di lavoro e a problematiche contrattuali, "i ferrovieri scioperano per la piena sicurezza come elemento principale delle organizzazioni del lavoro per due agenti abilitati alla condotta e due capitreno su tutti i treni - si legge nel comunicato che prosegue - per il primato della manutenzione dei treni e dell’infrastruttura. Scioperano contro ogni ipotesi di privatizzazione e, di converso, per una ferrovia davvero sociale dove investimenti, servizi offerti e posti di lavoro creino diretti benefici alla collettività e non profitti per pochi rifiutando, ad esempio, lo svuotamento del servizio sanitario nazionale tramite il Welfare aziendale. Per tutto questo, pur con tutte le limitazioni di legge al diritto di sciopero, quello del 12 febbraio 2024 sarà uno sciopero necessario, per i ferrovieri e non solo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni, sciopero dalle 9 alle 17. Le tratte locali quelle più a rischio

FirenzeToday è in caricamento