Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Ponte Ognissanti 2012: sciopero di commessi e lavoratori toscani

I sindacati hanno indetto uno sciopero dei lavoratori del commercio. La protesta segue all'annuncio con cui le parti sociali denunciavano un abuso delle aperture domenicali e festive

La liberalizzazione degli orari di apertura  voluta dal governo nel settore del commercio continua ad avere “oppositori”. In primis la l’amministrazione della Regione toscana che voleva stabilire dei limiti di orari alle aperture in modo che la grande distribuzione non fagocitasse i piccoli negozi. E poi i sindacati che già da tempo criticano la scelta imposta da Roma. Tanto che solo tre giorni fa avevano denunciato un abuso delle aperture domenicali e festive. 

"L'abuso dei calendari di apertura - scrivevano in un comunicato stampa Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil - mette a dura prova la resistenza di chi deve lavorare per una magra maggiorazione di 15 euro, lasciando a casa la famiglia i bambini, e rinunciando agli amici, per ritrovarsi in giorno di riposo quando tutti gli altri lavorano o sono a scuola".

Adesso si cerca di farsi sentire con le astensioni dal lavoro. Così le tre sigle sindacali hanno indetto un’ intera giornata di sciopero dei lavoratori toscani del commercio per il 1 novembre 2012. Le segreterie regionali  dei sindacati "aderiscono ai contenuti e alle motivazioni dell'iniziativa dell'area fiorentina in merito alla ripresa di un confronto a 360 gradi sulle aperture domenicali e festive dei negozi ed in vista di scelte unilaterali di alcuni punti vendita di aprire anche per la festività di Ognissanti".

 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte Ognissanti 2012: sciopero di commessi e lavoratori toscani

FirenzeToday è in caricamento