Scandalo parcheggi, la Sas: "Sospeso lo stipendio ai vigilini coinvolti"

Niente "corresponsione della retribuzione" ai dipendenti già sospesi. La partecipata si costituirà parte civile

I nove dipendenti di Sas, Servizi alla Strada, coinvolti nell'indagine della procura e della polizia municipale di Firenze sullo "scandalo parcheggi", sono stati sospesi dal lavoro senza corresponsione della retribuzione, con provvedimento del 16 gennaio scorso. Ad annunciarlo è stata la stessa società partecipata del Comune di Firenze, che si occupa di viabilità e sosta.

Per tre dei vigilini coinvolti nell'inchiesta che vede 35 persone indagate (con 11 arresti), la decorrenza del provvedimento è stata anticipata al 14 gennaio. Per gli altri invece è scattato dal 18 gennaio. 

"Si tratta soltanto del primo passo, in quanto nei prossimi giorni la società Sas, presa piena conoscenza degli atti processuali, contesterà agli indagati le rispettive responsabilità e inizierà i procedimenti disciplinari" spiegano dalla società partecipata del Comune. Sas, inoltre, "ha già depositato al gip la nomina di parte offesa e si costituirà parte civile nel processo penale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Coronavirus, Rossi: "No alla chiusura di scuole o stop ai concorsi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento