rotate-mobile
Cronaca

Scandalo parcheggi: chieste condanne per i funzionari. Verso il processo vigilini e parcheggiatori abusivi

Cade l'accusa di corruzione elettorale nei confronti del funzionario dell'ufficio del sindaco Iacopo Vicini

Il pm Massimo Bonfiglio della procura fiorentina ha chiesto di condannare Vittorio Sergi, uno dei 49 vigilini finiti a processo per lo "scandalo parcheggi", a 3 anni e 2 mesi per assocciazione a delinquere, assenteismo, corruzione e truffa alle assicurazioni. Lo scrive il Corriere Fiorentino. Secondo la ricostruzione dell'accusa, Sergi faceva parte del 'gruppo' di vigilini che facevano affari coi parcheggiatori abusivi.

Scandalo parcheggi: il segretario di Giani chiede il rito abbreviato

Si avvia invece a cadere l'accusa di corruzione elettorale che era stata inizialmente contestata allo stesso Sergi e al funzionario dell'ufficio del sindaco, Iacopo Vicini. Quest'ultimo avrebbe procurato un biglietto per un concerto dei TheGiornalisti a Sergi tramite il responsabile del suo ufficio Nicola Raimondo, in cambio del suo voto. Ma Vicini, riconosce la stessa accusa, non verrà poi candidato. 

Scandalo parcheggi, la Lega: "Giani chairisca la cena con Raimondo"

Chiesta anche la condanna a 2 anni e 10 mesi per Leonardo Toticchi, responsabile ufficio verbali di contravvenzione di Palazzo Vecchio, accusato di 'strappare le multe'. Infine, chiesto il processo per 17 persone tra parcheggiatori abusivi e vigilini e la messa alla prova per altri 17. La Sas si è costituita parte civile tramite l'avvocato Antonio Voce. Sentenza attesa per il 17 giugno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo parcheggi: chieste condanne per i funzionari. Verso il processo vigilini e parcheggiatori abusivi

FirenzeToday è in caricamento