Cronaca

Cassa integrazione alla SaS: proclamato lo stato di agitazione

La protesta dei sindacati Filt Cgil, Fit Cisl e UilT sulla società controllata dal Comune di Firenze

Stato di agitazione alla Sas, la società di servizi alla strada controllata dal Comune di Firenze: lo hanno indetto Filt Cgil, Fit Cisl e UilT in protesta contro la scelta dell’azienda di fare ricorso alla Cassa integrazione in deroga da giugno a dicembre, anche se in precedenti accordi tra azienda e sindacato era stato concordato un periodo più ristretto, più compatibile e sostenibile, che andava da aprile a giugno.

“L’azienda motiva la decisione con la necessità di contenere i costi del lavoro, anche se la Cigd, pagata dall’Inps e di fatto da tutti i cittadini, è uno strumento che serve per sostenere i lavoratori per carenza di lavoro e non per abbatterne i costi”, dicono Filt Cgil, Fit Cisl e UilT.

E aggiungono: “Tra l’altro l’attività e i servizi da svolgere stanno ripartendo e aumentando di continuo, con l’azienda che, mentre allunga la Cassa integrazione, aumenta i turni di lavoro o fa ricorso agli appalti esterni. Oltre che a un danno per lavoratori e servizio, siamo di fronte a un controsenso”.

Tra pochi giorni, su richiesta dei sindacati, ci sarà un incontro con l’azienda e il Comune. “Se non riconsiderano la questione, siamo pronti allo sciopero”, concludono Filt Cgil, Fit Cisl e UilT.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassa integrazione alla SaS: proclamato lo stato di agitazione

FirenzeToday è in caricamento