Sant'Ambrogio: contro il 'degrado' il Comune chiude una strada pubblica con dei cancelli / FOTO

La titolare del ristorante Gilda: “Bene, era un orinatoio a cielo aperto e non se ne poteva più”. Fratelli d'Italia attacca: “Fallimento dell'amministrazione”

Una strada pubblica chiusa di notte con dei cancelli per contrastare il 'degrado' notturno. E' la sorte toccata a via dell'Ortone, una corta strada di meno di un centinaio di metri, ad 'elle', che collega piazza Ghiberti a Borgo la Croce.

E' da tempo che Palazzo Vecchio ci pensava e ieri pomeriggio gli operai del Comune hanno tirato su due 'cancelli' grigi, ai due ingressi della via, apribili dall'interno con maniglione antipanico. E così una strada pubblica diventerà chiusa per le ore notturne (mentre resterà regolarmente aperta durante il giorno. I lavori, iniziati ieri, dureranno un'altra settimana circa).

Ormai di residenti in via dell'Ortone non ce ne sono più. C'è un laboratorio del noto ristorante Cibreo, un Bed and Breakfast, una casa disabitata e sbarrata con lucchetti a porte e finestre come molte altre migliaia in città, alcuni fondi usati dagli ortolani del mercato, uno studio di architettura.

Avremo il codice per poter aprire ed accedere liberamente”, spiega l'architetto Bolko Von Schweinchen. Così anche per le altre attività che hanno sede nella stradina.

“Noi siamo contentissimi che la strada di notte verrà chiusa. Lo avevamo chiesto perché era diventato un orinatoio, una situazione insostenibile. Il mio cuoco una sera era stato anche quasi aggredito da alcune ragazze spagnole per aver detto loro di usare un bagno”, commenta Gilda, titolare dell'omonimo ristorante in piazza Ghiberti. Trapela soddisfazione anche dal ristorante Cibreo di Fabio Picchi.

Critico e contrario alla chiusura invece il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Alessandro Draghi. “I problemi della movida in Borgo la Croce e dell'urina in via dell'Ortone sono evidenti. Ma così si crea un precedente: quante strade sono in una condizione simile? Si chiudono tutte? E' un fallimento dell'amministrazione, farò un question time in consiglio comunale per sapere chi ha autorizzato il tutto”, dice Draghi, invece favorevole alla cancellata per chiudere il sagrato della chiesa di piazza Santo Spirito, invocata dal priore Giuseppe Pagano.

Da Palazzo Vecchio però si risponde che i cancelli per via dell'Ortone sono stati chiesti, già due anni fa, proprio dai residenti e dalle attività commerciali della zona. Il Cosp, comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, ha dato l'ok perché oltre all'urina sui muri si erano verificati problemi ben più gravi: persone che si 'bucavano', spaccio e quant'altro.

Per l'intervento non era necessario l'ok della Soprintendenza. I tempi si sono protratti fino a ieri, quando, terminato l'iter burocratico, sono stati posizionati i cancelli. Contemporaneamente è stato istallato un nuovo punto luce e una nuova telecamera. Quanto all'estetica ognuno può farsi una propria idea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: nuovo caso a scuola, classe in quarantena

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 21 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 19 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Incidente in piazza della Libertà: scontro tra auto, cinque feriti | FOTO

  • Elezioni regionali e referendum: boom affluenza in Toscana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento