Sanità, studenti fuori sede: “Ore per avere un farmaco salvavita”

“Senza il medico di base aspettiamo ore per avere una ricetta, proponiamo una convenzione tra Università, medici di base e Regione”

E’ uno dei problemi più sentiti dagli universitari fuori sede dell'Ateneo di Firenze. “Il medico di famiglia è lontano - spiega Lorenzo Tomassini dell’organizzazione Studenti fuori sede - se serve una ricetta, per me che sono un soggetto allergico, è un problema. Se di notte mi prende un attacco devo andare al pronto soccorso farmi prescrivere il Bentelan, che è un salvavita, e poi recarmi alla farmacia di turno, in pratica impiego ore per ottenere il medicinale”.

L’Università di Firenze propone il cambio di domicilio sanitario "che è l’unico strumento per accedere al servizio sanitario di base - spiega Tommaso Francioli del gruppo universitario Csx -. Gli universitari che però fanno questo passo quando tornano a casa per le vacanze di Natale non hanno più il medico di base".

 LA PROPOSTA

La proposta di Csx e di Studenti fuori sede si ispira al modello dell'Università statale di Milano che permette allo studente fuori sede di entrare nel sito dell’università e accedere a un link. Qui sono presenti gli studi medici convenzionati ai quali l’universitario può chiedere appuntamenti mantenendo il domicilio sanitario di provenienza. In sostanza propongono una convenzione tra Ateneo, medici di base e Regione Toscana per attivare questo tipo di servizio.

La proposta sarebbe utile anche per coloro che vanno al pronto soccorso e per gli stessi operatori sanitari: diminuirebbe le code nei pronto soccorsi. 

L’ITER

“La stiamo spiegando negli studentati, riteniamo che la salute dello studente non possa essere dettata dalla burocrazia – spiega Tommaso Francioli – abbiamo già incontrato l’assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi, puntiamo a parlare della questione ai vari Comuni e poi di presentare una mozione in consiglio per fare prendere atto alla Regione del problema”.

STUDENTI FUORI SEDE

Sono circa 20 mila . “Chi arriva a Firenze come studente fuori sede deve affrontare diversi problemi. Prima di tutto quello medico - commenta Lorenzo Tomassini -. E’ un primo progetto. Per chi viene da fuori siamo un  punto di riferimento. Ci muoviamo su un doppio binario: da una parte cerchiamo di ottenere risposte a livello organizzativo, dall’altra parte siamo una spalla per gli studenti spaesati in una città nuova".

Tra poco partirà anche una petizione nazionale su change.org per proporre l'iniziativa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 25 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 27 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 26 novembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento