Palazzo Vecchio, il ritratto di Michelangelo

Il ritratto su Palazzo Vecchio (fonte wikipedia)

Sulla facciata di Palazzo Vecchio si trova inciso un volto misterioso: esattamente sulla parete a destra dell'edificio, dietro la scultura “Ercole e Caco” di Baccio Bandinelli.

Si dice che questa specie di bozza sia opera nientemeno che di Michelangelo. Secondo una leggenda popolare, sarebbe il ritratto di un uomo che era solito importunare il Buonarroti, che decise di ritrarre il volto del suo disturbatore, noto ai fiorentini come “l'importuno di Michelangelo”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo altri, invece, Michelangelo rimase talmente impressionato dall'espressione di un condannato a morte che decise di immortalarne il volto sulla facciata. Per mancanza di tempo, l'artista lo scolpì in fretta e furia, proprio sulla facciata di Palazzo Vecchio: una scelta che spiegherebbe la semplicità del ritratto, gunto fino ai giorni nostri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Archeologia: scoperto gigantesco santuario dedicato ad Apollo

  • Caldo torrido su Firenze: tre giorni di allerta meteo

  • Incendio in fabbrica a Mantignano: colonna di fumo sulla città / FOTO

  • I turisti non tornano, i residenti se ne vanno: Firenze è sempre più vuota

  • Coronavirus: 217 in quarantena per l'ultimo focolaio

  • Coronavirus: impennata di nuovi casi, cluster di giovani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento