Cronaca

Ristoratori: Naccari chiede di restare chiusi il 26 Aprile in solidarietà con chi non ha spazi all'aperto

Il presidente di Tni: "Apriteci tutti dal 1° maggio, all'aperto ma anche al chiuso"

“Il 26 aprile tutti chiusi, in segno di solidarietà nei confronti di quei colleghi che non hanno tavolini all'aperto”. E' l'iniziativa di Tni Italia, l'associazione che racchiude imprese del mondo della ristorazione fondata dal fiorentino Pasquale Naccari nei mesi scorsi.

“La categoria deve stare unita. Stiamo chiusi e chiediamo al governo di riaprirci tutti, dentro e fuori, dal 1° maggio, perché sia davvero la Festa dei lavoratori”, afferma Naccari, presidente di TNI Italia.

"Secondo un sondaggio realizzato tra gli iscritti a Tni Italia - si legge in una nota diffusa dalla stessa associazione -, un'attività su due non potrà riaprire da lunedì perché non dispone di spazi all'aperto o perché dotata di così pochi tavolini che non è in grado di coprire le spese di apertura".

Tutte le richieste della Tni di Naccari

Nei giorni scorsi Tni ha promosso diverse manifestazioni per chiedere al governo l'immediata riapertura dei ristoranti, tra le quali l'interruzione dell'autostrada A1 per diverse ore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristoratori: Naccari chiede di restare chiusi il 26 Aprile in solidarietà con chi non ha spazi all'aperto

FirenzeToday è in caricamento