menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Risciò: il Tar dà ragione al Comune, regolare lo stop

L'amministrazione questa estate ha sequestrato 51 mezzi

Lo stop ai risciò imposto dal Comune è legittimo. Lo ha confermato ieri il Tar che ha respinto, nella prima sentenza dell’udienza sospensiva, la richiesta di annullamento presentata da alcuni operatori dei risciò.

L’estate scorsa il Comune - sulla base dei controlli sulle Scia portati avanti dagli uffici - aveva obbligato 51 risciò a proseguire la loro attività. Ieri il Tar ha ritenuto prevalente l’interesse all’incolumità pubblica rispetto agli interessi economici. 

“Siamo felici di questa pronuncia del Tar – ha detto l’assessora allo sviluppo economico Cecilia Del Re – che conforta l’amministrazione comunale nel suo operato di questa estate. Dopo una serie di controlli ferrei sulle dichiarazioni rilasciate dagli operatori abbiamo infatti annullato le Scia in via di autotutela. Il Tar – ha spiegato Del Re – ha sottolineato come prevalga l’interesse pubblico all’incolumità di cittadini e turisti, rispetto all’interesse economico di queste attività, che esercitavano in mancanza di alcuni requisiti necessari per il servizio di trasporto. L’interesse di cittadini e turisti è il bene primario che l’Amministrazione deve tutelare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento