Galluzzo, via alla riqualificazione: "Alberi e verde contro le isole di calore"

Prevista una serie di lavori anche grazie ai fondi degli oneri di compensazione dovuti da Esselunga per la costruzione del supermercato

Sono partiti, fa sapere il Comune di Firenze, i lavori di riqualificazione di piazza Puliti al Galluzzo, che prevedono tra le altre cose 17 nuovi alberi "mangia-smog" per mitigare l'impatto del parcheggio.

Inoltre "grazie all’approvazione in consiglio comunale della convenzione per gli oneri di urbanizzazione (dovuti da Esselunga per il nuovo grande supermercato costruito, ndr), nell’adiacente viale Tanini sarà realizzata un'aiuola centrale con 70 nuovi alberi".

A questi si aggiungono i 180 nuovi alberi già messi a dimora nella pioppeta di viale Tanini. I lavori in piazza Pietro Puliti hanno preso il via con la demolizione dell’asfalto per la creazione delle aiuole e si completeranno a fine ottobre con la piantagione di un filare di 11 platani, quattro bagolari e due pioppi bianchi maschi. 

Dopo l’ok della giunta, su proposta dell’assessore all’urbanistica e ambiente Cecilia Del Re, il consiglio comunale ha dato il via ieri alla convenzione urbanistica per gli oneri di urbanizzazione Esselunga, che porterà nelle casse del Comune di Firenze un totale di 1,6milioni di euro da destinare agli interventi di riqualificazione della zona. 

Gli oneri sono relativi alla monetizzazione per la mancata realizzazione del parcheggio pubblico delle Due Strade (che aveva ricevuto parere negativo da parte della Soprintendenza) e delle connesse opere di viabilità.

A titolo di 'compenso' Esselunga verserà al Comune di Firenze oltre 1,6 milioni di euro che andranno a finanziare la progettazione e realizzazione di una serie di opere a vantaggio del quartiere.

Nel dettaglio, 760mila euro saranno impiegati per la riqualificazione di viale Tanini, 270mila per il risanamento della pavimentazione della viabilità del Galluzzo e delle Due strade, 200mila alla progettazione definitiva ed esecutiva per la realizzazione del nuovo ponte al Galluzzo, l'ex ponte Bailey di via della Certosa tuttora in uso: in quest'ultimo caso ancora non si conoscono i tempi di realizzazione.

La destinazione dei restanti 400mila euro sarà decisa insieme ai cittadini della zona nel corso del percorso partecipativo avviato nell’ambito del progetto ‘Firenze Prossima’ per l’adozione del nuovo Piano operativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un intervento - commenta Del Re -, che farà del Galluzzo e delle Due Strade il primo esempio concreto di sostituzione dell’asfalto con il verde, secondo un modello che vogliamo poi estendere ai diversi quartieri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus in Toscana, nuovo picco di contagi: 1.290 in un giorno, 432 nel Fiorentino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento