Cronaca

Rifiuti, dopo il primo mese di porta a porta boom differenziata: "Sfiora l'80%"

I primi dati di Alia ad un mese dall’introduzione del nuovo sistema, che ha suscitato anche proteste. Palazzo Vecchio: "Dati inammiginabili, avanti con l'attuazione del piano"

"A Firenze dati record per la raccolta differenziata, che sfiora l’80% nelle zone raggiunte dal nuovo sistema di raccolta porta a porta". Così fa sapere Alia Servizi Ambientali Spa, l'azienda addetta al servizio di raccolta dei rifiuti, illustrando i dati emersi nella commissione comunale ambiente svoltasi ieri, nel corso della quale la stessa Alia ha illustrato i dati relativi al primo mese di attuazione del 'Piano Firenze Città circolare'.

Dopo la rimozione di tutti i vecchi cassonetti stradali, "la percentuale di raccolta differenziata nel primo mese tutto porta a porta nelle aree a bassa densità abitativa del Quartiere 2 e del Quartiere 5 di Firenze si è assestata infatti al 79%, rispetto al 53% precedente alla trasformazione del servizio in queste zone. La percentuale di raccolta differenziata tra il 2018 e il 2019 era cresciuta solo dello 0,87%", fa sapere Alia.

L'introduzione del porta a porta, per le modalità con le quali è stato introdotto, ha suscitato nelle scorse settimane in realtà anche veementi proteste, per esempio nella zona di Careggi (ma anche in altre) di via Niccolò da Tolentino, dove i residenti lamentano di non essere una zona a 'bassa densità abitativa', di avere case piccole per tenere tutti i nuovi bidoni in casa con i rifiuti per giorni (per esempio, specie d'estate, il maleodorante organico) e di vedere accatastati bidoni e sacchi in strada che da un lato non sono un bello spettacolo e dall'altro possono intralciare il passaggio. Palazzo Vecchio è ora ulterioremente confortato e convinto dai dati emersi ieri e proseguirà su questa strada.

“Sono dati inimmaginabili fino a un mese fa - commenta l’assessora all’ambiente Cecilia Del Re - in termini non solo di quantità della raccolta differenziata ma anche della qualità. I dati di questo primo lotto ci dicono, infatti, che i cittadini del quartiere 5 e quartiere 2 non solo hanno esposto correttamente i bidoncini fuori dalle loro abitazioni, ma anche che hanno fatto correttamente la differenziata così che il rifiuto possa andare al riciclo e avere una nuova vita senza essere inquinato da corpi estranei. Questi dati ci sostengono dunque nella efficacia del piano, che porteremo avanti continuando a monitorarne l’avanzamento sia per apportare i correttivi utili ad attenuare i disagi o le difficoltà riscontrate dai cittadini in casi particolari, sia per monitorarne i risultati. L’obiettivo del piano è quello di aumentare la quantità e qualità di raccolta differenziata passando al 70% su tutto il territorio comunale. I cassonetti intelligenti ci consentiranno un minor passo in avanti rispetto al porta a porta, ma saranno ugualmente determinanti nel raggiungere tali obiettivi".

I primi risultati del nuovo servizio, primo passo del progetto ‘Firenze Città Circolare’, "confermano l’attenta collaborazione da parte degli oltre 10mila utenti residenti a Castello, Serpiolle, Careggi, San Domenico, Trespiano e Settignano e altre zone collinari e periferiche", commentano ancora da Alia.

La raccolta domiciliare ha preso il via il 15 febbraio scorso e la rimozione dei vecchi contenitori (cassonetti e campane azzurre) si è conclusa ad aprile. In questo primo mese di porta a porta ‘puro’, "sono diminuite tutte le frazioni estranee nei vari flussi di materiali raccolti, l’indicatore principale della qualità dei rifiuti esposti giornalmente dai cittadini: per l’organico al 3,5% (la media comunale 2020 era del 12,2%), carta e cartone al 4,4% (la media comunale 2020 era 11,7%), imballaggi in plastica, metalli, polistirolo, tetrapak al 13% (la media comunale 2020 era 43,5%)".

Gli utenti del primo lotto porta a porta fiorentino sono stati contattati a domicilio ed hanno ricevuto il kit di raccolta (bidoncini, sacchi, bidoni carrellati, materiale informativo, calendario settimanale).

L’avvio del servizio porta a porta nel lotto 2 è previsto nel prossimo mese di giugno; la trasformazione della raccolta rifiuti a Firenze proseguirà poi via via su tutto il territorio comunale con differenti metodologie di servizio (porta a porta domiciliare con sacchi e bidoncini; cassonetti stradali smart; postazioni interrate) che avranno in comune la tracciatura di quanto conferito da ogni utente, attraverso tag su bidoncini e sacchetti o con l’utilizzo della nuova chiave elettronica (A-pass), che permetterà di aprire i contenitori stradali.

L’A-pass sarà consegnato, su richiesta, anche a coloro che hanno attivo il servizio “porta a porta”. Firenze Città Circolare, che coinvolgerà progressivamente tutte le 200 mila utenze domestiche e 28 mila utenze non domestiche, oltre ai rifiuti prodotti da turisti, city users, pendolari e studenti, permetterà di valorizzare sempre di più quanto avviato a recupero, riciclaggio o compostaggio delle oltre 133.000 t/anno raccolte nel solo capoluogo (su un totale di oltre 246 mila t/anno di rifiuti raccolti da Alia Servizi Ambientali), incrementando così le raccolte differenziate, con l’obiettivo 70%, ed anticipando i target di riciclaggio previsti dalle Direttive EU.

Sul sito dedicato www.firenzecittacircolare.it, oltre a tutte le informazioni di dettaglio, è possibile verificare per ogni strada e piazza di Firenze quale sarà il sistema adottato e la presunta data di avvio del nuovo servizio oltre alla localizzazione degli altri servizi (Ecocentri, Ecofurgoni ed Ecotappe) utili per tutti quei rifiuti che per caratteristiche e dimensioni non vanno consegnati ai servizi stradali. Inoltre, con una semplice prenotazione telefonica al call center di Alia, è possibile usufruire del servizio di ritiro ingombranti al proprio domicilio, completamente gratuito.

Per ulteriori informazioni è a disposizione la App Junker (scaricabile gratuitamente per sistemi IOS ed Android) ed il servizio di call center, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30 e il sabato dalle 8.30 alle 14.30, con i tre numeri 800 888 333 (da rete fissa, gratuito) o 199 105 105 (da rete mobile, a pagamento, secondo i piani tariffari del proprio gestore), 0571.196 93 33 (da rete fissa e rete mobile).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, dopo il primo mese di porta a porta boom differenziata: "Sfiora l'80%"

FirenzeToday è in caricamento