rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Porta a porta, i cittadini denunciano: "Topi e caprioli sotto casa, attirati dai rifiuti"

Malcontento per la nuova modalità di raccolta, protesta a Sorgane. E la stagione calda non aiuta

Monta la protesta contro il porta a porta, il sistema di raccolta differenziata che l'azienda di gestione dei servizi ambientali Alia sta introducendo, per adesso, nelle aree a bassa densità abitativa dei cinque quartieri. Da Careggi a Settignano, dalle Cinque Vie a Bellosguardo, passando per Ugnano Quaracchi e Ponte a Mensola: si sta estendendo a chiazza d'olio. E non è finita qui.

Ma in alcune delle zone in cui il servizio è stato attivato non mancano i malcontenti. Per differenziare con questo sistema ci vuole metodo, sia sulla corretta differenziazione che sui giorni di ritiro dei rifiuti da lasciare fuori dal portone. Ma gli ostacoli sembrano essere più alti del previsto.

Fra le zone più "calde", cioè dove la protesta sembra più vibrante, c'è Sorgane. Un malcontento esploso anche sui social network. "A Sorgane non vogliamo il porta a porta, - scrive Salvatore, un cittadino della zona, sul gruppo 'Traffico Firenze' - molti degli abitanti sono anziani e non hanno l'ascensore, oltre a questo i bidoncini che vanno portati su e giù dalle scale, devono essere puliti quotidianamente, i cani ci fanno la pipì sopra, e se tira vento sono trascinati per la strada, noi di Sorgane abbiamo deciso di protestare a oltranza".

Un grido di protesta che pone questioni che possono riguardare da vicino tutte le zone interessate dal servizio. E la stagione estiva non sembra favorire il metodo: i cittadini denunciano anche la presenza di topi e persino l'arrivo di animali nelle loro strade. Anche in piena area urbana.

"Siamo 850 famiglie, - racconta ancora Salvatore - e combattiamo tutti i giorni con piattole e ratti che mangiano quello che qualche idiota lascia fuori dai cestini". "Ultimamente - sottolinea - si sono visti anche i caprioli che passano dai buchi delle reti".

"Abbiamo chiesto a chi di dovere - spiega - ma niente. Adesso stiamo aspettando i cinghiali, hanno detto che arriveranno a breve", ironizza. Ai post su Facebook rispondono cittadini da altre zone, che temono il degrado anche a casa loro. Differenziare i rifiuti e determinante, ma i cittadini chiedono di farlo nella sicurezza e nell'igiene.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta a porta, i cittadini denunciano: "Topi e caprioli sotto casa, attirati dai rifiuti"

FirenzeToday è in caricamento