rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Cronaca Gavinana

Rifiuti: chiavetta a domicilio, anzi no. E per il ritiro l'indirizzo è sbagliato

Arrivano i cassonetti a chiave, a Gavinana dispositivi non consegnati e volantini destinati ad un altro quartiere

A Firenze, ormai da molti mesi, sta progressivamente cambiando il servizio di raccolta dei rifiuti. In molte zone sono già arrivati i cassonetti a chiave, mentre in altre proprio in questi giorni si sta procedendo all'introduzione del nuovo sistema.

E' l'attuazione del progetto "Firenze Città Circolare", il piano di rifiuti della città di Firenze, coordinato e progettato insieme al gestore del servizio Alia Servizi Ambientali. In alcune zone, però, si è verificato un episodio curioso, che ad alcuni cittadini è apparso come un vero e proprio disservizio. 

Nei quartieri in cui viene introdotto il sistema "a chiave" (in alcune zone invece si procede con l'introduzione del "porta a porta), gli addetti procedono (o dovrebbero procedere) alla consegna a domicilio delle chiavette.

Nei giorni scorsi, così, in alcune strade di Gavinana dove l'introduzione è prevista nel sesto bimestre del 2022, i residenti hanno trovato l'avviso nelle loro cassette postali. L'anomalia? E' successo anche a coloro i quali erano in casa e che quindi avrebbero potuto usufruire della prevista consegna diretta della chiavetta da parte degli addetti.

Il sospetto è riferito dagli stessi "malcapitati": "Nonostante fossimo in casa hanno lasciato l'avviso in cassetta perché più semplice". E sono in molti ad aver subito lo stesso disservizio. Risultato: niente "chiavetta a domicilio", i cittadini devono recarsi a ritirarla in uno degli infopoint predisposti nei quartieri, circoli o negli spazi soci della Coop. 

Sugli avvisi giunti a Gavinana c'è peraltro un'altra anomalia: l'infopoint indicato non è quello giusto. Croce su piazza Leopoldo, nel Quartiere 5. "E' come se avessero utilizzato i volantini già compilati per altri quartieri riciclandoli a Gavinana. Ma non sono gli stessi evidentemente", fa notare un altro cittadino.

Oltre al danno, dunque, la beffa. "Neanche la fatica di crocettare l'infopoint giusto per il nostro quartiere". Un disagio non insormontabile, certo, ma concreto:  "Per la pulizia della nostra città e soprattutto per ridurre l'impatto ambientale si fa questo ed altro, ma parliamo comunque d un servizio pubblico, quindi finanziato con risorse pubbliche, che non viene offerto", si spiega.

Dubbi che trovano spazio a maggior ragione leggendo la "mission" del progetto, che parla di "partecipazione consapevole di ciascun cittadino, che riceverà tutti gli strumenti utili per fare correttamente la raccolta differenziata". Tutti, o quasi.

L'avviso di consegna della chiavetta

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti: chiavetta a domicilio, anzi no. E per il ritiro l'indirizzo è sbagliato

FirenzeToday è in caricamento