Bambina morì dopo un intervento al Meyer, disposta la riesumazione

Sette tra medici e paramedici sono indagati per omicidio colposo dopo la morte di una bambina di pochi mesi. Il pm ha disposto la riesumazione del corpo della piccola

Il pm fiorentino Pietro Suchan ha disposto la riesumazione del corpo della bambina di pochi mesi, che morì a giugno, dopo un intervento chirurgico all’ospedale pediatrico Meyer. La notizia è stata battuta da alcuni giornali locali e della provincia di Grosseto, dove vivono i  genitori. La piccola Ginevra era nata il 17 dicembre scorso con un quadro clinico complesso e varie problematiche di salute. Secondo il legale della famiglia, l'avvocato Barbara Coscarelli, "se siamo arrivati a questa fase" con gli indagati e la riesumazione "vuol dire che dalle cartelle cliniche" emergono dubbi sull'operato del personale sanitario.
Proprio a seguito dell’esposto della famiglia è partita l’inchiesta che vede indagati per omicidio colposo sette tra medici e paramedici.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento