rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Montelupo Fiorentino

Sanità, appello alla Regione sulla Rems di Volterra: "Manca la sicurezza"

Il sindacato Nursind all'attacco: "Inaccettabile far fronte con gli interinali"

“E’ inaccettabile l’idea di mettere una pezza sulle carenze di personale e soprattutto di sicurezza del personale infermieristico della Rems di Volterra attraverso contratti interinali”. E’ quanto dichiara Giampaolo Giannoni, coordinatore regionale Nursind, sindacato autonomo degli infermieri, firmatario di un appello indirizzato all’assessore regionale Stefania Saccardi. Alla Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems) infatti dovrebbero essere trasferiti i pazienti dell'Opg di Montelupo.

Già nelle scorse settimane Carbocci aveva denunciato la situazione di pericolo e le ripetute violenze ai danni del personale della Rems di Volterra, dove sono confluiti alcuni pazienti dell’Opg. “Violenze riscontrate anche dalle forze di polizia – sottolinea Giannoni – che espongono i lavoratori a un rischio continuo. E che contrastano profondamente con la politica di assunzioni condotta fin qui dalla Regione Toscana”.

“I contratti del tipo ‘libero professionale’ o tramite agenzie interinali – attacca il coordinatore regionale Nursind – non garantiscono né la dovuta esperienza prevista dalla normativa per strutture del genere né la necessaria motivazione, essendo forme contrattuali di precariato. L’assenza di personale di vigilanza all’interno della struttura - continua - non è in grado di garantire i requisiti minimi di sicurezza per il personale in servizio: la necessità di ricorrere all’intervento esterno delle forze dell’ordine comporta infatti lunghi tempi di attesa”. “Auspichiamo una presa di posizione urgente da parte di Saccardi – conclude Giannoni – per scongiurare la sottovalutazione del caso Volterra, fin qui rimasto fin troppo sottotraccia”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, appello alla Regione sulla Rems di Volterra: "Manca la sicurezza"

FirenzeToday è in caricamento