Cascine, via libera alla variante per il recupero dell'ex Manifattura Tabacchi

Previsti negozi case e strutture turistico-ricettivo. Nel piano di riqualificazione anche il riassetto di piazza Puccini e un percorso ciclopedonale tra il parco di San Donato e le Cascine. Il Puccini diventa del Comune

Ex Manifattura Tabacchi

Oggi la giunta, su proposta dell’assessore alle Politiche del territorio Elisabetta Meucci, ha approvato la variante urbanistica per il recupero della ex Manifattura Tabacchi. Un atto che porta verso la conclusione una complessa vicenda, con l’obiettivo di riqualificare e riconvertire l’enorme ex complesso produttivo (circa sei ettari di superficie) di grande valore storico e architettonico, realizzato negli anni Trenta, vincolato dalla Soprintendenza e oggi di proprietà della M.T. Manifattura Tabacchi spa.

Una trasformazione, sottolinea l’assessore Meucci, necessaria per restituire alla Manifattura un nuova vivibilità e l’integrazione con il contesto circostante e l’intera città. I parametri previsti dal piano di recupero definiscono diversi aspetti di grande interesse. Intanto, si prevedono 88.687 metri quadrati di superficie utile lorda di progetto, a fronte dei 103mila mq stimati esistenti (in piena coerenza con il principio dei ‘volumi zero’ del Piano strutturale); le destinazioni d’uso sono 45.988 mq di residenziale, 8.274 mq di commerciale, 11.677 mq di turistico-ricettivo e 22.749 di direzionale, comprensiva di attività private e di servizio. Sono previsti inoltre il raddoppio dell’asilo nido già esistente e la cessione al Comune del Teatro Puccini.

Il piano prevede la riqualificazione di via Tartini e via delle Cascine, il riassetto di piazza Puccini, il percorso ciclopedonale che colleghi la Manifattura al parco di San Donato e al parco delle Cascine. L'altezza massima degli edifici ricostruibili non potrà superare i 53 metri.

Per quanto riguarda la viabilità, sono previsti un nuovo accesso da via delle Cascine (lato ferrovia) fino a ricongiungersi con l’esistente via Pergolesi, e il prolungamento dell’attuale via Tartini.

“Questa variante – spiega l’assessore - ripropone e concretizza la fattibilità di quegli elementi strategici già individuati nel Piano Strutturale per questo particolare e notevole complesso: privilegiare la residenza, una nuova centralità, il percorso di collegamento fra i parchi cittadini del quadrante nord ovest della città, le connessioni con le nuove infrastrutture limitrofe (linea della tramvia e nuova strada Rosselli-Pistoiese). Inoltre offre la possibilità di portare avanti nuove funzioni per la città, come quelle recentemente ipotizzate per una sorta di ‘cittadella della moda’. Tutto ciò – continua Titta Meucci - con particolare attenzione alla conservazione e valorizzazione degli elementi storici e architettonici del complesso, sanciti anche dalle notifiche ministeriali, interrompendo un processo di degrado non più tollerabile”.

Proprio per questo, spiega ancora l’assessore, si è deciso di utilizzare la prevista possibilità di procedere alla variante prima dell'approvazione del regolamento Urbanistico, evitando di rimandare un intervento che vede l’amministrazione già pronta e che genererà qualità urbana e posti di lavoro. La variante nasce dopo un lungo lavoro preparatorio, che ha coinvolto cittadini, soggetti pubblici e privati (soprintendenza compresa) e che ha tenuto conto di quanto emerso durante le assemblee dei Cento luoghi. Adesso il provvedimento passerà all’esame del Consiglio comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Follia in Appennino: contromano per 40 chilometri sull'autostrada A1

  • In Toscana torna il weekend in zona gialla: cosa si può fare e cosa no

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 16 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 13 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

  • Scomparso nel Senese la vigilia di Natale, lo ritrovano perché ubriaco si schianta a Firenze contro un semaforo

  • Ufficiale: la Toscana resta gialla

Torna su
FirenzeToday è in caricamento