Rave party senza regole: fermati due fiorentini

Sul posto la Digos e la polizia di stato

Immagine di repertorio

Ieri notte la digos e gli agenti della polizia di stato sono intervenuti sul lungarno, in via Nave di Brozzi, per fermare un rave party con circa 150 persone. Nello spiazzo vicino all'Arno era stata organizzata una vera e propria festa, con tanto di impianto audio (poi sequestrato), che stava disturbando il vicinato.

Proprio i residenti del quartiere, stanchi del continuo rumore, hanno più volte segnalato alla polizia quanto stava accadendo. All'arrivo delle volanti la musica è stata stoppata e i due presunti organizzatori fermati: al momento sono in corso gli accertamenti per valutare eventuali responsabilità degli altri partecipanti. I due fiorenitini hanno 21 e 29 anni e sono stati denunciati per manifestazione non autorizzata e distrubo della quiete pubblica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' di venerdì la notizia di un'altra festa non autorizzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 21 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento