Cronaca

Rapine con pistole e machete: scoperta banda mafiosa cinese

Arresti e misure cautelari anche a Campi Bisenzio

I carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Gorizia hanno arrestato nella notte cinque cittadini cinesi ritenuti responsabili di numerosi furti e rapine ai danni di connazionali compiuti con particolare violenza, tanto da essere paragonati a componenti della mafia cinese. La banda utilizzava armi da fuoco e machete. Il blitz è scattato congiuntamente a Napoli, Mestre (Venezia), Padova, Poggio a Caiano (Prato), Campi Bisenzio (Firenze) e Reggio Emilia in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip del tribunale di Gorizia e di cinque decreti di fermo d'indiziato di delitto emanati dalla Procura della Repubblica isontina. Sono stati sequestrati anche i macchinari di un laboratorio a Poggio a Caiano (provincia di Prato) ritenuti proventi dei furti compiuti dalla banda.

L'operazione, denominata ''Crimini d'Orient'', ha permesso di risalire ai presunti responsabili di due rapine in appartamento, a San Pier d'Isonzo (Gorizia) e Mestre, e sette furti e tentativi di furti a Mantova, Milano, Treviso e Rovigo a fabbriche e laboratori tessili di cinesi.

Gli indagati, nel corso dei loro raid criminali, utilizzavano armi da fuoco e da taglio, tra cui coltelli a lama lunga, accette e machete e non esitavano a usare violenza sulle vittime, che venivano metodicamente imbavagliate e legate con fascette di plastica.

L'indagine si è rivelata particolarmente complessa in considerazione della ritrosia delle vittime, tipica della comunità cinese, a denunciare alle forze dell'ordine i torti subiti, nel timore di andare incontro a ulteriori, gravi ritorsioni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapine con pistole e machete: scoperta banda mafiosa cinese

FirenzeToday è in caricamento