rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cronaca

Firenze violenta, la strategia del sindaco: "Sessanta nuove telecamere e cani antidroga"

Nardella vara un piano anti criminalità e chiede 100 agenti in più. Investimento da 350mila euro per gli 'occhi elettronici', unità cinofile, aiuti ai locali per gli steward e stop alla movida selvaggia

"Di fronte a questi episodi occorre un'azione incisiva, compatta, con l'unione delle forze. Ne ho già parlato con il prefetto e il questore, perché la sicurezza è una cosa seria e va garantita ovunque e per tutti". Il sindaco Dario Nardella ha deciso di varare un piano per la sicurezza, condiviso con le forze dell'ordine e i commercianti, per reagire all'escalation di violenza che ha colpito il centro storico fiorentino, con almeno tre donne aggredite e rapinate solo nell'ultima settimana.

Nardella - riporta l'edizione odierna de La Nazione - ha chiesto al ministro dell'interno Luciana Lamorgese almeno 80-100 agenti in più, per un controllo più capillare del territorio. Il sindaco chiede anche di accelerare l'apertura della stazione dei carabinieri a Santa Maria Novella: "Ne ho parlato con il comandante generale dell'Arma Teo Luzi che mi ha assicurato il suo impegno". Palazzo Vecchio inoltre sta installando in queste settimane 60 nuove telecamere, per un investimento da 350mila euro.

Poi c'è il contrasto allo spaccio: "Entro marzo faremo partire tre nuove unità cinofile della polizia municipale" spiega Nardella a La Nazione. Inoltre Palazzo Vecchio proporrà alle associazioni di categoria di cofinanziare nuovi steward fuori dai locali. In pratica, con un fondo il Comune cofinanzierà le spese dei locali al 50%. Infine la sinergia con la prefettura: pianificato un comitato per l'ordine e la sicurezza in vista della primavera-estate, per fronteggiare problemi di spaccio, movida violenta, abusivismo commerciale, con l'impiego di tutte le forze a disposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Firenze violenta, la strategia del sindaco: "Sessanta nuove telecamere e cani antidroga"

FirenzeToday è in caricamento