Palazzo Pitti: tenta rapina con siringa, arrestato 

Fermato un pregiudicato

Ieri sera i carabinieri della compagnia di Firenze Oltrarno hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un pluripregiudicato essendo emersi a suo carico gravi indizi di colpevolezza in ordine ad una tentata rapina commessa la sera del 7 agosto scorso in Piazza San Felice, nei pressi di Palazzo Pitti.

Nella circostanza, il titolare di un’attività commerciale della zona, immediatamente dopo la chiusura era stato raggiunto da un individuo che, dopo averlo minacciato con una siringa, gli ha intimato di consegnargli il denaro nella sua disponibilità, ma la vittima prontamente reagiva, mettendo in fuga il malvivente.

Le immediate indagini dei carabinieri della stazione Palazzo Pitti, in collaborazione con i colleghi del nucleo operativo d'Oltrarno, hanno consentito - attraverso l’escussione di alcuni testi, l’acquisizione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza, nonché la sottoposizione di fascicoli fotografici ai testimoni – di individuare l’autore e acquisire a suo carico gravi indizi di colpevolezza, tali da consentire di sottoporlo a fermo di indiziato di delitto. 

Il soggetto individuato quale responsabile, persona senza fissa dimora, è stato intercettato nella giornata di ieri in Lungarno Santa Rosa dai militari, i quali, nonostante il suo tentativo di fuga, prontamente lo hanno bloccato. L’arrestato, 45enne italiano, è stato quindi tradotto presso il carcere di Sollicciano. 
 

Tenta rapina in tabaccheria con una siringa

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Carceri: sesso per i detenuti, chiesto intervento della Regione  

  • Vedere Richard Gere a Firenze: ecco come fare 

  • Fiorentina, Nardella: “Nuovo stadio a Campi? Mi opporrò con tutte le forze”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento