Rapina e aggressione al tabaccaio di Baberino di Mugello: un paese sotto shock

Le voci dal paese: "Speriamo che li prendano presto"

La tabaccheria rapinata

Non si parla d'altro a Barberino di Mugello. Qui, due giorni fa, il proprietario della ferramenta e tabaccheria di piazza Cavour è stato brutalmente assalito da un gruppo di malfattori che lo hanno picchiato per rubargli l'incasso della giornata e qualche gratta e vinci. I rapinatori hanno agito a volto scoperto. 

Paura in tabaccheria: titolare malmenato e picchiato

Nella tabaccheria, ogni 5 minuti, passa qualcuno a chiedere come sta Massimo, il co-proprietario del negozio. Un episodio simile non era mai accaduto nella piccola comunità mugellana. "Speriamo che li prendano il prima possibile", è il commento più frequente tra i barberinesi. 

Il tutto è avvenuto lunedì scorso in pieno giorno, alle 14, quando in piazza Cavour si fermano gli autobus che riportano gli studenti di scuole medie e superiori in città. La piazza era quindi gremita ma nessuno si è accorto di niente. 

Massimo ha visto entrare tre uomini a volto scoperto, lo hanno portato nel corridoio del negozio dove si trova una stanza piuttosto nascosta. Massimo ha capito che i tre volevano tenergli una trappola, è quindi fuggito verso l'entrata ma non ci è riuscito. 

I rapinatori lo hanno portato nella stanzetta dove hanno iniziato a picchiarlo selvaggiamente: cazzotti, calci al costato e altro. I malviventi hanno portato via l'incasso del negozio ma il danno è ancora da quantificare. 

Adesso Massimo, 45enne mugellano che gestisce l'attività da pù di 20 anni, è ricoverato all'ospedale dei Borgo San Lorenzo: ha due costole rotte, l'oso sacro fratturato e tumefazioni al collo e al volto. 

"Massimo aveva visto qualche giorno prima uno dei malfattori entrare nel negozio, probabilmente per perlustrare la zona in cui volevano colpire", racconta uno dei commessi. Inoltre i tre, da qualche giorno, erano stati visti dai compaesani di Massimo: avevano consumato nel bar del paese. Probabilmente la loro azione è stata mirata, sapevano che a quell'ora l'uomo era da solo. 

Una signora ha raccontato che verso quell'ora voleva entrare nel negozio, un uomo le ha detto che la tabaccheria era chiusa: un'affermazione strana per la donna visto che il negozio fa orario continuato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto i carabinieri di Barberino del Mugello e Borgo San Lorenzo stanno indagando su quanto successo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Coronavirus: 3 nuovi casi, 6 decessi. Punto più basso dei ricoverati dal 9 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento