rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Cronaca

Sanità, sì alla legge: in Toscana arriva lo psicologo di base

La proposta è stata approvata dal consiglio regionale quasi all'unanimità

Il servizio sanitario toscano si arricchisce con una nuova figura, lo psicologo di base. La proposta di legge è stata approvata ieri dal Consiglio regionale quasi all'unanimità: 37 voti favorevoli, con l'astensione di Elisa Tozzi (Toscana Domani), mentre Silvia Noferi del Movimento 5 Stelle non ha preso parte al voto.

La legge, come ha spiegato in aula il presidente della commissione sanità, Enrico Sostegni (Pd), nasce da una necessità: la crescente domanda di assistenza sul fronte psicologico. Un bisogno che il Covid ha rinforzato.

Per questo la norma istituisce il servizio di base "caratterizzato da uno stretto legame con il territorio, con i medici e con i pediatri di base, per fornire un adeguato sostegno psicologico alle persone a rischio come anziani, bambini, personale sanitario, attraverso la previsione di un primo livello di servizi di cure psicologiche accessibili a tutti indistintamente".

Così, se nell'immediato è previsto il servizio dei liberi professionisti in convenzione, l'obiettivo della legge è quello "di strutturare il servizio superando le convenzioni e integrando gli psicologi nel servizio sanitario regionale". Per il 2023 verranno stanziati 350mila euro, "ma le risorse dovranno essere aumentate dopo una fase di rodaggio della legge", sottolinea Sostegni.

Gli psicologi: "Una conquista per tutti"

Esultano anche gli psicologi: "La legge è una conquista per tutti i toscani, siamo orgogliosi di aver contribuito a questo risultato", dice Maria Antonietta Gulino, presidente dell'Ordine degli psicologi della Toscana.

"La pandemia ha acuito e fatto emergere in maniera esponenziale i disagi, a tutte le età e a tutti i livelli sociali: tra marzo 2020 e febbraio 2022 le richieste da parte dei pazienti degli psicologi toscani libero professionisti sono aumentate del 69% rispetto all'era pre-Covid", ricorda Gulino. "Il servizio psicologico di prossimità è quindi fondamentale per il benessere dei cittadini".

Oltre a questo "siamo particolarmente contenti che la legge sia stata approvata dal consiglio regionale toscano con larghissimo consenso: è il segno che la politica ha compreso la necessità di una svolta nell'assistenza psicologica e nella presa in carico globale delle persone".

Mazzeo: "Giornata storica"

"Oggi è una giornata storica per la Toscana, perché si introduce una norma rivoluzionaria che finalmente definisce per legge un principio sacrosanto: la salute mentale è fondamentale come quella fisica e deve essere un diritto accessibile a tutti. Da oggi, infatti, i cittadini toscani potranno avere a disposizione il servizio di psicologia di base". Lo sottolinea il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo, commentando, a margine dei lavori dell'aula, l'approvazione della proposta di legge, con primo firmatario Andrea Vannucci (Pd), sull'introduzione dello psicologo di base.

Sottolineando l'importanza che la norma sia "stata approvata a larghissima maggioranza dal Consiglio regionale", Mazzeo l'ha definita "una legge di civiltà, e la dimostrazione che la Toscana, quando si tratta di essere dalla parte dei cittadini, vuol essere sempre all'avanguardia". I dati sulla salute mentale della popolazione "parlano chiaro: la pandemia, il lockdown, la scarsa socialità e la paura in questi due anni hanno inciso in maniera decisiva sulla psiche di tutti noi. Lo psicologo di base fornirà sostegno alle persone a rischio, lavorando a stretto contatto con medici e pediatri di base". Per questo, "ringrazio tutti i coloro che hanno promosso questa legge e contribuito a migliorarla e, in particolare, ci tengo a sottolineare il grande lavoro svolto in questi mesi dalla commissione Sanità fianco a fianco con l'ordine degli psicologi".

"In Toscana il benessere psicologico è un diritto e deve essere alla portata di tutti.  Provo grande emozione e felicità per un risultato così importante per i cittadini toscani. E' una legge che punta a fare cultura, cultura della salute. Quello di oggi è un traguardo collettivo e anche un punto di partenza per rendere il nostro sistema socio sanitario sempre più calibrato sulle esigenze e sui bisogni delle persone. Oggi è una bella giornata", ha commentato Vannucci su Facebook.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, sì alla legge: in Toscana arriva lo psicologo di base

FirenzeToday è in caricamento