Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, giostrai a Firenze: "Siamo disperati, riaprire luna park a maggio" / VIDEO

Prima corteo con i mezzi poi presidio in Santa Maria Novella 

"Nei calci in culo si prende il fiocco non il virus". E ancora, "riaccendete la felicità, riaprite i luna park". Ieri i tassisti, oggi i giostrai, scesi in piazza a Firenze perché "stremati da 14 mesi di chiusure". Diversa la piazza, stesso il copione: se ieri le auto bianche hanno invaso piazza della Signoria, oggi i camion e i mezzi del cosiddetto spettacolo viaggiante hanno 'occupato' Santa Maria Novella.

"Manifestiamo - spiega Sauro Martini, uno degli organizzatori del presidio regionale arrivato nello slargo dopo un lungo serpentone per le vie della città - perché la categoria è veramente stanca, ha bisogno di lavorare. Sono 14 mesi che siamo completamente fermi e i ristori sono stati assolutamente inefficaci, quindi siamo alla disperazione". Per questo "chiediamo assolutamente la ripartenza a maggio: non ce la facciamo piu'". Tutti gli imprenditori, prosegue Martini, "rischiano di non ripartire. I colleghi più fortunati non lavorano da tredici mesi".

In questo senso, continua, la scelta di far riaprire le attività mettendole insieme ai grandi parchi di divertimento "è inaccettabile. Non si può confondere lo spettacolo viaggiante dei luna park, composti da 10, 20, 30 attrazioni, con i parchi come Gardaland o Mirabilandia. Sono situazioni completamente diverse".

Si parla di

Video popolari

Covid, giostrai a Firenze: "Siamo disperati, riaprire luna park a maggio" / VIDEO

FirenzeToday è in caricamento