Cronaca Centro Storico

In centro a volto coperto: fiorentini spaventati, ma è solo una protesta

Singolare protesta dell'associazione "La Martinella". In otto hanno sfilato col burqa per le vie del centro, per chiedere che venga applicata la legge che non consente di avere il volto coperto nei luoghi pubblici

Li guardavano incuriositi i turisti mentre sfilavano in Centro col volto coperto dal burqa. Non seguivano un credo religioso ma un'azione di protesta.  In otto hanno attraversato le vie del centro in direzione prima del Consiglio Regionale e poi della Prefettura. Questa la singolare manifestazione dell'associazione culturale "La Martinella", omonima del giornale d'ispirazione socialista, svoltasi ieri pomeriggio perchè "venga applicata la legge che non consente, a chi vive sul territorio nazionale, di presentarsi a viso coperto sul suolo e negli ambienti pubblici".


 "Al consigliere della Lega Nord Gianluca Lazzeri, che ci ha ricevuto in consiglio, ed al capo di gabinetto della Prefettura, Francesco Massidda - ha spiegato il presidente dell'associazione, Bruno Zoppi - abbiamo fatto presente che per far fronte a questo problema c'é una legge del '26 molto chiara. Noi non vogliamo proporci contro tradizioni che comunque ci sono estranei, ma nemmeno essere considerati cittadini di serie B rispetto a chi viene in Italia e pretende di indossare burqa hijab o altri analoghi abiti vietati''. Per entrare in Consiglio regionale ed in Prefettura i manifestanti hanno dovuto togliersi i burqa, che hanno poi nuovamente indossato una volta tornati in strada.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In centro a volto coperto: fiorentini spaventati, ma è solo una protesta

FirenzeToday è in caricamento