rotate-mobile
Cronaca

Procura di Roma: la Cassazione rigetta il ricorso di Prestipino e Viola resta in corsa

Gli Ermellini: "Il Consiglio di Stato non ha travalicato il confine della propria giurisdizione". Il pg di Firenze punta a diventare procuratore capo della Capitale

"Il Consiglio di Stato non ha travalicato il confine della propria giurisdizione". E' quanto scrivono i giudici delle Sezioni Unite Civili della Cassazione rigettando i ricorsi proposti dal procuratore di Roma Michele Prestipino contro le sentenze del Consiglio di Stato che avevano accolto il ricorso del procuratore generale di Firenze Marcello Viola, annullando la nomina. La decisione, riporta l'Adnkronos, motivata è stata depositata questa mattina.

Il procuratore della Capitale presentando il ricorso davanti alla Corte di Cassazione aveva "lamentato il vizio di eccesso di potere giurisdizionale per invasione della sfera di discrezionalità riservata al Csm per una pluralità di profili".

Procura di Roma: Viola torna in corsa

"Va escluso che nel caso in esame - scrivono i supremi giudici - il Consiglio di Stato abbia esorbitato dai limiti posti al proprio giudizio conformando la scelta del Consiglio Superiore della Magistratura mediante la riformulazione di criteri da applicare. Il Consiglio di Stato ha di fatto rimarcato la manifesta irrazionalità e, quindi, la palese illegittimità dei criteri di scelta adottati dal Consiglio Superiore della Magistratura in base al mero tenore testuale dell'articolo 18 del Testo Unico sulla dirigenza giudiziaria; e lo ha fatto nell'esercizio del proprio potere-dovere di valutazione, perché di questo potere-dovere, l'individuazione dell'ambito di operatività della circolare del 28 luglio 2015, qual è quella nota come testo unico della dirigenza giudiziaria è chiara espressione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Procura di Roma: la Cassazione rigetta il ricorso di Prestipino e Viola resta in corsa

FirenzeToday è in caricamento