Sanità

Prevenzione oncologica, toscani sempre più attenti

Adesione in crescita agli screening offerti gratuitamente dal servizio sanitario regionale

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Aumenta la fiducia dei toscani nei confronti degli screening oncologici, utili a diagnosticare in maniera precoce un tumore e dunque aumentare le probabilità di sconfiggerlo. I dati della partecipazione a quelli offerti gratuitamente dal servizio sanitario regionale (mammella, cervice uterina e colon retto) mostrano un significativo trend positivo nel tempo e in sostanza i migliori risultati, nel 2023, rispetto agli ultimi anni. I numeri sono quelli tracciati dal Nuovo sistema di garanzia (Nsg).

Crescono tutti gli indicatori

Per il tumore della mammella l’indicatore, che sintetizzala capacità di offerta del sistema sanitario e della partecipazione dei cittadini, sale al 69,8% dal 58,5 del 2022, con oltre undici punti percentuali di crescita.

Continua a migliorare pure lo screening della cervice uterina, che comprende Hpv test e Pap test, a seconda della fascia d’età della popolazione femminile e che si attesta al 59,5% nonostante l’impegnativo periodo di riassetto organizzativo legato all’introduzione del nuovo software gestionale. Estremamente importante è il risultato per lo screening del colon retto, con un miglioramento dell’indicatore di quasi nove punti percentuali e che passa dal 39,2 del 2022 al 47,9% del 2023.

Tutti i valori superano la soglia di soddisfacimento, individuata nel 30% per la mammella e nel 25% per cervice e colon, per raggiungere e superare, con lo screening del tumore al seno e alla cervice uterina, anche la soglia di massima performance, indicata nel 60% per la mammella e nel 50% per cervice e colon.

Giani: “La prevenzione è una nostra priorità”

“I risultati degli indicatori Nsg del 2023 ci inorgogliscono, ma non ci stupiscono- commenta il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani -. La prevenzione è da sempre una nostra priorità e questo esito è anche il frutto delle numerose campagne di screening organizzate, ma anche di un rinnovato impegno di tutto il sistema”. 

“I dati – aggiunge l’assessore al Dritto alla salute Simone Bezzini - ci dimostrano un eccezionale lavoro del Servizio sanitario Regionale. Per il 2024 il nostro impegno si rafforzerà ulteriormente, in particolare per lo screening colon rettale, attraverso diverse iniziative, fra cui un generale processo di riassetto organizzativo del servizio di erogazione e un rinnovato accordo con le farmacie pubbliche e private: il tutto al fine di favorire una sempre maggiore adesione allo screening”.

La prevenzione - primaria e secondaria, ovvero quella legata a sani stili di vita e quella fatta con gli screening - è l’arma più potente per produrre salute, uno strumento che consente l’abbattimento dell’insorgere di patologie oncologiche per circa il 40 per cento dell’attuale incidenza.  L’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) a dicembre del 2023 ha individuato la rete oncologica toscana come la migliore a livello nazionale. La nostra è l’unica Regione ad avere previsto un istituto (Ispro, l’Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica), interamente dedicato alla oncologia, con il più grande laboratorio per la processazione Hpv/Pap Test sul territorio Italiano, e uno tra i più grandi in Europa, oltre ad una importante attività di ricerca: un istituto individuato dal ministero della Salute come l’autorità che rappresenta l'Italia nella joint action europea sugli screening oncologici. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prevenzione oncologica, toscani sempre più attenti
FirenzeToday è in caricamento