Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Dai migranti al pane secco, i presepi più stravaganti

Spopolano le capannucce con le statuine: ecco gli esempi più particolari. Sfilate viventi il 24 e 26 dicembre

Da quello “vivente” a quello con la presenza dei migranti, fino a quello stravagante realizzato col pane secco. Di presepi si è parlato tantissimo con l’avvicinamento al Natale. E fra quelli che sono stati presentati ce ne sono tanti davvero curiosi. Nella notte del 24 dicembre dopo la messa nella Chiesa di San Pietro a Lecore (Signa, Fi), verrà inaugurato il presepe artistico, dal titolo: “Profumo di Pane dove tutto diventa Vita”. Il tema quest’anno, anziché con le scatole di cartone, con pane secco. Il presepe è aperto ai visitatori dal 25 dicembre fino al 24 gennaio 2016 e sarà visitabile ogni giorno festivo dalle 15,30 alle 19,30 ed i giorni prefestivi dalle 17 alle 19. Per informazioni e prenotazione di visite guidate per gruppi contattare il numero 3382062947 oppure www.presepdilecore.it e su Facebook “Presepe Artistico di Lecore”.

Il presepe di Lecore è uno degli ideatori di Terre di Presepi, un coordinamento fatto da presepisti, parrocchie, enti e associazioni, che ha messo in rete vie dei presepi, presepi artistici, presepi viventi, musei ed esposizioni di tutta la Toscana che da due anni unisce e valorizza i presepi più belli della Toscana per oltre 300 km di tour fra presepi artistici incredibili realizzati con abilità uniche (https://terredipresepi.blogspot.it/).

Palazzuolo sul Senio, nell’alto Mugello, c’è uno dei presepi viventi più antichi: la sfilata è in programma per Santo Stefano, il 26 dicembre alle ore 17. Il presepe vivente scalderà anche la vigilia di Natale a Londa: il 24 sera a partire dalle 21 ecco la sesta edizione del “Presepe vivente”, organizzato dall’omonimo comitato, con il patrocinio del Comune di Londa ed il sostegno delle associazioni locali. In piazza della Repubblica e sul greto del fiume Rincine, nel parco fluviale, saranno riproposte scene tipiche con oltre 100 figuranti. 

E’ in mostra nientemeno che al Quirinale (dal 9 dicembre) il presepe in gesso raffigurante i migranti e realizzato dai figurinai di Coreglia Antelminelli. Una rappresentazione è esposta nell’atrio di Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della giunta regionale toscana. 

E’ tornata anche quest’anno, infine, la mostra di presepi nell’ex convento in via della Scala, diventato oggi l’Hotel Rivoli (via della Scala 33) L'8 dicembre è stata inaugurata la quarta edizione firmata dall’artista e pasticcere Claudio Ladurini. La mostra, a ingresso gratuito, è aperta tutti i giorni dalle 11 alle 21 fino al 6 gennaio 2016. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai migranti al pane secco, i presepi più stravaganti

FirenzeToday è in caricamento