Cronaca

Polizia municipale, protesta contro Palazzo Vecchio: "Più tutela per la nostra salute"

I sindacati: "Troppi turni di notte e fino a 62 anni, in aumento la sindrome per stress da lavoro correlato"

Prosegue lo scontro tra polizia municipale e amministrazione comunale. I sindacati che rappresentano gli agenti (Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Csa, Dicapp) erano questa mattina in presidio sotto Palazzo Vecchio per denunciare le stressanti condizioni di lavoro alle quali sono sottoposti e chiedere alcune modifiche all'organizzazione dei turni.

"Non chiediamo un euro in più, chiediamo solo più attenzione alla nostra salute", premette Roberto Bologni, rappresentante Rsu e delegato Cgil. In particolare, gli agenti chiedono una diversa organizzazione dei turni notturni e la possibilità dell'esonero volontario per i più anziani in servizio.

"Da tempo siamo mobilitati. Non chiediamo altro che fare valere anche per noi l'accordo nazionale che vale per polizia e forze dell'ordine da trent'anni, cioè la possibilità dell'esonero volontario dai turni di notte all'età di 50 anni. Il 23 dicembre invece sono entrate in vigore nuove disposizioni in senso opposto, è stato aumentato il numero di notti di servizio effettuate dai giovani e l'esonero è stato alzato fino ai 62 anni, età fino alla quale dobbiamo svolgere anche i notturni", prosegue Bologni.

Gli assessori ai quali gli agenti chiedono un confronto sono Alessandro Martini (deleghe al personale), Stefano Giorgetti (polizia municipale) e Benedetta Albanese (sicurezza urbana). "Chiediamo l'immediata apertura di un tavolo di confronto perché le condizioni di lavoro sono peggiorate e la sindrome per stress da lavoro correlato è aumentata notevolmente, come dimostrano indagini indipendenti commissionate anche dalla stessa amministrazione", chiede ancora Bologni. In solidarietà agli agenti erano presenti al presidio anche i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Roberto De Blasi e Lorenzo Masi. La dirigenza del Comune dopo il presidio ha convocato i sindacati per discutere della vertenza in un tavolo tecnico fissato per il prossimo 28 aprile.

Consegnato inoltre al presidente del Teatro L'Affratellamento di via Orsini un assegno da 6mila euro, cifra messa in piedi con una raccolta di fondi lanciata il 17 febbraio tra i lavoratori e le lavoratrici della polizia municipale tramite la Rsu.

"Un piccolo gesto di vicinanza - spiegano gli agenti -, di fronte alla profonda crisi del teatro dovuta al lungo periodo di chiusura". Le risorse serviranno anche ad avviare un progetto di ricerca e divulgazione della storia della polizia municipale del Comune di Firenze. L'assegno è stato ritirato dal presidente del teatro Luigi Mannelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia municipale, protesta contro Palazzo Vecchio: "Più tutela per la nostra salute"

FirenzeToday è in caricamento