Piero Pelù firma la petizione 'No amianto Publiacqua': "Acqua sacra come corpo"

Il cantante sottoscrive la campagna per la sostituzione dei 225 chilometri di tubi in amianto presenti nella rete gestita da Publiacqua. I promotori: "In 10 giorni già 1.500 firme". Ad Agliana genitori chiedono minerale a scuola

Piero Pelù

"L'acqua è sacra come il nostro corpo". Scrivendo queste parole, Piero Pelù, storica voce dei Litfiba, ha accompagnato la firma alla petizione "No amianto Publiacqua". Una raccolta firme, lanciata da 23 associazioni, che chiede la sostituzione dei 225 chilometri di tubi in amianto della rete idrica gestita da Publiacqua e che investe un territorio compreso tra Firenze, Prato, Pistoia e il Medio Valdarno. L'iniziativa, destinata al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, all'assessore all'ambiente Anna Rita Bramerini e a tutti i sindaci dell''area interessata, fanno sapere i promotori, "ha già raccolto in 10 giorni 1.500 firme".

Intanto ieri sera intanto alcuni esponenti della campagna sono stati invitati dai genitori dei bambini e ragazzi che frequentano le mense delle scuole di Agliana, Comune in provincia di Pistoia: "Nell'auditorium della Misericordia- sottolineano i rappresentanti della campagna- oltre 300 persone hanno incontrato il sindaco Giacomo Mangoni chiedendo distribuire nelle scuole acqua minerale in bottiglia e permettere ai loro figli di non bere più l'acqua che passa nei tubi di amianto. Ad Agliana infatti un terzo delle tubature sono costruite con la fibra cancerogena". (Agenzia Dire)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

  • Coronavirus, dipendenti senza mascherina: chiuso e multato un supermercato

Torna su
FirenzeToday è in caricamento