Cronaca

Gino Strada: in Toscana la prima piazza dedicata alla memoria

L'iniziativa del circolo "Il Botteghino" di Pontedera. Sulla targa la dedica al "medico e uomo di pace"

La Toscana brucia tutti ed è la prima regione in Italia a dedicare una strada (anzi, una piazza) a Gino Strada. L'iniziativa è del circolo Arci "Il Botteghino" di Pontedera, che ha deciso di dedicare la piazza esterna alla struttura al medico di Emergency recentemente scomparso.

"Piazza Gino Strada, medico e uomo di pace. 1948-2021", recita la targa. "Chissà come l’avrebbe presa, Gino Strada", scrive sul sito del circolo il Presidente del Consiglio direttivo, Gianluca Macelloni.

"La nostra piazza, quella a cui non riuscivamo a dare un nome, - spiega Macelloni - che ci costringeva a ricorrere a locuzioni come 'area esterna', 'spazio eventi', 'ex-campino' (e chi più ne ha più ne metta) ogni qual volta ci trovavamo a doverla indicare. Quella piazza, ora, si chiama piazza Gino Strada".

Sappiamo già che quest’ultima definizione lascerà perplessi diversi di voi", scrive ancora il presidente. E "assisteremo (stiamo già assistendo, a dire il vero) a tentativi più o meno maldestri di tirare Gino Strada, come si suol dire, 'per la giacchetta'".

"E' in fondo quello che stiamo facendo anche noi, - spiega ancora - tirarlo per la giacchetta, intitolandogli questa piazza. Siamo immodesti quanto basta da credere che Gino Strada non si sarebbe poi trovato troppo male in nostra compagnia, fatta salva la sua nota avversione per le aggregazioni, e questo da molto prima che il Covid le rendesse problematiche. Ci piace immaginare che se Gino fosse ancora tra noi, se quel suo cuore troppo affaticato dall’essersi speso in ogni possibile maniera in giro per il mondo non gli avesse richiesto improvvisamente di potersi mettere a riposo, quando stasera intitoleremo ufficialmente a lui la nostra piazza, sgranerebbe gli occhi di fronte a quel cartello stradale".

Ma "a quell’imitazione di cartello stradale: ricordiamo che la piazza è lo spazio esterno di un circolo privato e questa “piazza Gino Strada” non apparirà mai sugli stradari comunali o su Google Maps; perché il nome di Gino Strada entri a far parte della toponomastica italiana aspettiamo con fiducia le decisioni delle varie amministrazioni locali e una specifica disposizione del Ministero degli Interni, come previsto dalla legge emanata nel 1927 e tuttora in vigore) e voltandosi verso di noi biascicherebbe tra sé: “Piazza Gino Strada? Che stronzi!”, per regalarci infine un sorriso stentato".

"Anzi, no, lo sappiamo cosa diresti: - conclude Macelloni - il tuo pensiero correrebbe al Galileo brechtiano, a quello 'sfortunata la terra che ha bisogno di eroi' che giorno dopo giorno non manca di mostrare, a chi vuol vederla, la sua crudele verità, e pronunceresti parole che non è opportuno che siano riportate in questa sede. No, questa terra, questa Terra (con la “t” maiuscola) non ha bisogno di eroi. Ha bisogno di persone come te, come Gino Strada, medico e uomo di pace".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gino Strada: in Toscana la prima piazza dedicata alla memoria

FirenzeToday è in caricamento