rotate-mobile
Cronaca

Perseguita per anni i vicini di casa: arrestata 57enne

Per i condomini era diventata un vero e proprio incubo: sfuriate, calci alla porta, minacce e scampanellate ad ogni ora

Mercoledì sera, 22 febbraio, i carabinieri hanno arrestato una 57enne fiorentina. Tutto è partito dalle querele formalizzate da due vicini di casa dell’indagata (di cui uno parzialmente invalido).

La donna, già condannata in passato per lo stesso reato oggi contestatole, probabilmente anche a causa della dipendenza da alcol e stupefacenti, avrebbe portato avanti condotte persecutorie contro i condomini della palazzina dove abita, in zona Le Piagge.  

Secondo quanto emerso dalle indagini dei militari, la 57enne dal 2017 ad oggi avrebbe più volte minacciato di morte i suoi due vicini, suonato ripetutamente ai loro citofoni, sferrato calci alle porte di ingresso delle loro abitazioni, causando in essi un grave stato di ansia e perdurante paura, tanto da indurli più volte a richiedere l’intervento dei carabinieri.

Alla donna sono contestate ingiurie, minacce di morte (anche davanti ai carabinieri intervenuti), urla, intimazioni a non denunciare le proprie sfuriate. In una circostanza avrebbe preso da dietro per il collo un vicino, tirandogli dietro un bastone, costringendolo a fuggire dal pianerottolo condominiale terrorizzato e a rifugiarsi nella propria abitazione.

Le 'reazioni' della donna deriverebbero dalle lamentele dei vicini nei confronti degli atteggiamenti della donna, comprese sfuriate in piena notte.

In un caso, sapendo che uno dei due vicini era stato convocato come testimone in un procedimento penale in cui la donna era imputata per maltrattamenti contro la madre convivente, quest’ultima avrebbe aperto la porta mentre l’uomo stava uscendo di casa e alterato gli avrebbe intimato di deporre in maniera a lei favorevole in udienza, prospettandogli, in caso contrario, gravi ritorsioni fisiche.

I due vicini assieme alle querele hanno allegato centinaia di video e registrazioni, effettuati con i propri smartphone, per documentare i comportamenti della donna, che è stata infine portata nel carcere di Sollicciano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perseguita per anni i vicini di casa: arrestata 57enne

FirenzeToday è in caricamento