rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Riapertura del percorso pedonale sotto l'Arno: "Sarà un Corridoio Vasariano sotterraneo" / FOTO

Il sopralluogo del presidente della Regione Giani e del sindaco Dario Nardella

La Regione Toscana e il Comune di Firenze stanno valutando la riapertura dell'antico percorso pedonale che passa sotto l'Arno. Quello lungo 250 metri e che collega la torre della Zecca Vecchia e la Torre di San Niccolò. E ieri mattina il presidente Eugenio Giani e il sindaco Dario Nardella, accompagnati dai tecnici, hanno dato vita al primo sopralluogo.

Vista di Firenze sulla cima della torre della Zecca e poi giù nel sottosuolo, all'inizio del camminamento che collegava le due sponde. Con tanto di giro sul gommone nei passaggi invasi dall'acqua.

"Potrebbe diventare una sorta di Corridoio Vasariano" alla rovescia, "sotterraneo", dicono sia Nardella che Giani. Così è proprio il presidente della Regione che, riflettendo sull'intervento, lancia l'idea che chiama "suggestione Oltrarno".

Il passaggio, spiega, "potrà costituire un elemento di grande interesse per i fiorentini e i turisti. Aprire un nuovo percorso dalla torre della Zecca, dove era l'antico conio e dalla quale si gode di un panorama straordinario su Firenze, fino alla torre San Niccolò" potrebbe invogliare i turisti scesi dai pullman che scaricano alla Zecca, a prendere la via dell'Oltrarno, osserva.

Giani, quindi, ipotizza una prima stima di costi per l'intervento di ripristino compresa tra i 3 e i 5 milioni. E aggiunge sui tempi: "Siamo ovviamente in una fase di valutazione preliminare in cui non si possono ipotizzare tempi di realizzazione". Se ne parla da un po', staremo a vedere. (Fonte: Agenzia DIRE)

Bravata che può costar cara: ubriachi in Arno, rischiano la denuncia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapertura del percorso pedonale sotto l'Arno: "Sarà un Corridoio Vasariano sotterraneo" / FOTO

FirenzeToday è in caricamento