Manifestazione in centro contro la guerra: viabilità e autobus a rischio

E' stato indetto dal centro sociale Cpa, hanno aderito numerose sigle e arriverà al consolato americano

Manifestazione con corteo questo pomeriggio, domenica 26 gennaio, nel centro di Firenze contro la guerra. E' stato indetto dal centro sociale CPA Firenze Sud e hanno aderito molte sigle e sindacati, tra i quali Rete Antirazzista, Comitato Fiorentino Fermiamo la Guerra, Assemblea BeniComuni, Collettivo Politico Scienze Politiche, Coordinamento Toscana per il Kurdistan, USB, CUB, Cobas, CGIL, ANPI, Udu Firenze Sinistra Universitaria, Arci, Potere al Popolo, Emergency.

"Firenze si schiera contro la guerra come strumento di prevaricazione e dominio e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali", si legge nel comunicato che, diffuso su Facebook, annuncia il corteo e dove si sottolinea come "l'assassinio in Iraq del generale iraniano Suleimani da parte degli USA ha rappresentato l'ennesimo atto di aggressione da parte di questa potenza".

"Lanciamo un appello unitario a tutte le realtà e persone che si riconoscono nei valori della pace, dell’antimilitarismo e della solidarietà tra i popoli a scendere in piazza il prossimo 26 Gennaio:

contro  gli interventi militari e le ingerenze delle potenze straniere in Libia, Iraq, Siria e Iran, per il ritiro dei contingenti militari italiani da tutti i paesi stranieri;

per la chiusura delle basi militari USA e NATO in Italia, e per l'uscita dell'Italia dalla NATO;

per eliminare qualsiasi testata nucleare dal suolo italiano e per bandire definitivamente le armi nucleari in tutto il mondo;

contro i traffici di armi delle imprese italiane a partire dalla vendita di armi alla Turchia;

per Il taglio delle spese e degli investimenti nel settore militare e per riutilizzare le risorse in spese sociali come casa, lavoro, salute e istruzione per tutti e tutte;

per la solidarietà con i migranti, contro i lager di stato (cpr) e le stragi nei mari, per l'abrogazione dei decreti Minniti e Salvini, per cancellare gli accordi con la Turchia e la Libia;

per l’autodeterminazione dei popoli, al fianco di chi lotta per la giustizia sociale e per un società realmente democratica", si legge sempre nel comunicato.

Percorso manifestazione Firenze 26 gennaio

Per la manifestazione di oggi, domenica 26 gennaio, il corteo partirà da piazza della Repubblica alle 15 e poi percorrerà Via degli Strozzi - Via dei Vecchietti - Via dei Cerretani - Via dei Banchi - Piazza di Santa Maria Novella - Via dei Fossi - Piazza Goldoni per concludersi nel Lungarno Vespucci all’angolo con Via Curtatone, di fronte al consolato Usa.

Sono quindi previste su questo percorso chiusure delle strade alla viabilità e deviazioni degli autobus Ataf, più o meno, come scrive anche Ataf sul proprio sito web, tra le 15 e le 19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due pizzerie di Firenze tra le migliori 50 d'Italia

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento