Cronaca Viali

Tramvia, Nardella: “I pali non resteranno in eterno”

Il sindaco intervistato da Lady Radio conferma sperimentazioni e tempi: “Entro l'anno via ai lavori per la nuova linea”

“I pali della tramvia non resteranno in eterno”. A dirlo, questa mattina ai microfoni di LadyRadio, il sindaco di Firenze Dario Nardella.

“Quando avremo tutti i tram di nuova generazione potremo iniziare a togliere i pali anche dove al momento ci sono”, aggiunge il sindaco, dopo aver confermato il via alle sperimentazioni sugli attuali convogli per limitare i pali e fili delle nuove linee in costruzione.

Per quanto riguarda il 'braccio' piazza della Libertà – via Cavour – piazza San Marco – via La Marmora – viali (i cui lavori dovrebbero iniziare a metà 2020) “non ci saranno né fili né pali”, assicura Nardella.

“Siamo a buon punto con l'idea di sperimentare nuove batterie sugli attuali 'Sirio', un'ipotesi che ci ha fatto Hitachi. In questa prima fase sperimentiamo queste batterie sugli attuali tram ma in una seconda fase compreremo tram già predisposti per andare con le nuove batterie e caricarsi solo in alcuni tratti”, aggiunge il sindaco.

Perché un problema è appunto il fatto che sono stati già comprati decine di 'vecchi' tram e non possono essere dismessi subito (su questi 'vecchi' tram è partita la sperimentazione delle nuove batterie a bordo).

“La linea della per Bagno a Ripoli (la 3.2.1) avrà pali solo su un terzo del tracciato, solo nella zona più esterna mentre nel resto della linea i pali non ci saranno”, ripete il sindaco.

Tramvia: quando partono i lavori per le nuove linee

Quanto ai tempi per l'avvio dei cantieri delle nuove linee “confermiamo quelli che ci siamo dati. I lavori della variante San Marco partiranno a metà di quest'anno”.

“Stiamo poi concludendo i lavori in Conferenza dei Servizi - prosegue il sindaco -, per la linea 4 (la Leopolda – Piagge – Campi Bisenzio, ndr). E' prevista la gara d'appalto dei lavori entro dicembre 2020, l'inizio dei lavori nella seconda metà 2021 e il termine dei lavori entro fine 2023 (il primo lotto, quello Leopolda – Piagge, perché il secondo lotto Piagge – Campi Bisenzio deve ancora essere progettato e finanziato, ndr)”.

Infine, la linea piazza Libertà – Bagno a Ripoli, quella che sarà sicuramente la più impattante anche sulla mobilità. “L'obiettivo – conclude Nardella -, è far partire i lavori entro fine anno”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tramvia, Nardella: “I pali non resteranno in eterno”

FirenzeToday è in caricamento