rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Prostituzione, agenti in borghese per i clienti a caccia di lucciole

Intanto fioccano le reazione. “Gratitudine a Nardella” espressa dalla Comunità Giovanni XXIII, la Lega chiede invece di riaprire le 'case chiuse'

Da oggi è in vigore la nuova ordinanza sulla prostituzione, firmata ieri dal sindaco Dario Nardella. Le nuove norme prevedono per i clienti delle prostitute, in tutta la città, sanzioni fino a 3 mesi di carcere e 206 euro di multa. Molte le reazioni positive alla nuova norma, ma si registrano anche posizioni critiche. “Pieno appoggio e gratitudine alla scelta del sindaco Nardella. E' la via da perseguire, la prostituzione è schiavitù. L'ordinanza indica a tutti che il comportamento di certi uomini è profondamente sbagliato, i veri uomini non comprano il sesso”,  afferma Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII.

Si tratta invece di un'ordinanza “tardiva e inefficace” per la Lega Nord, che, con il consigliere regionale Jacopo Alberti, chiede di “riaprire le 'case chiuse' e regolarizzare il tutto, anche dal punto di vista fiscale”.

Del caso fiorentino si è discusso oggi anche in consiglio comunale a Bologna, dove un consigliere di Forza Italia ha chiesto un provvedimento simile nella sua città. Richiesta respinta dalla giunta guidata dal sindaco Virginio Merola (Pd), perché “ordinanze simili si limitino a un temporaneo spostamento della prostituzione, per poi tornare a una situazione analoga nel momento in cui il provvedimento perde efficacia. Meglio puntare su programmi di assistenza alle vittime e di sostegno ai percorsi di fuoriuscita”.

Il sindaco Nardella difende invece con forza l'ordinanza. “E' una risposta alla criminalità organizzata che lucra sulla prostituzione: mi auguro che dopo la nostra città altre amministrazioni facciano lo stesso. Questa misura non è la soluzione definitiva, ma un primo passo nella giusta direzione, contro la vergognosa industria della prostituzione, che arricchisce la criminalità organizzata italiana e straniera”, ha dichiarato oggi il sindaco, sottolineando che i controlli previsti dalla nuova ordinanza, con agenti in divisa ma anche in borghese, “cominceranno già nelle prossime ore”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione, agenti in borghese per i clienti a caccia di lucciole

FirenzeToday è in caricamento